Home Attualità

Sondaggi: crolla il Pd e vola il Movimento 5 stelle

CONDIVIDI
sondaggi-crolla-pd-vola-movimento-5-stelle

Sondaggi: addio anche a quota 23. Il Partito democratico adesso vale il 22,8%. In un mese secondo le rilevazioni di Ixè per Huffpost ha lasciato sul terreno un altro 0,6% (0,3 dal 6 al 22 dicembre). Si dirà, gli sta andando di lusso rispetto alla bufera scatenata sulla vicenda Etruria-Boschi. Ma di fatto il Pd di Renzi continua a perdere consensi. Con un’accelerazione impressionante partita il 10 ottobre, quando, sempre secondo Ixè, veleggiava ancora sul 27,4%. Un’emorragia di oltre 4,5 punti percentuali che adesso rischia di portare la compagine renziana sempre più vicina a quel 20% che rappresenta una vera linea Maginot in prospettiva elettorale. E una voragine rispetto al grande avversario del Pd che ha ingranato la quinta.

Sondaggi: effetto “Spelacchio”

La star dell’ultimo sondaggio Ixè – che fotografa anche una preoccupante propensione al voto solo del 54,3% – è proprio il Movimento 5 stelle. Nonostante le critiche al candidato premier Di Maio per le sue “imprecisioni” sul taglio delle pensioni d’oro e sull’Euro, e nonostante le polemiche romane su “Spelacchio”, l’albero di Natale morto in Piazza Venezia, i Cinque Stelle sono balzati al 29%. In sostanza, negli ultimi 15 giorni, hanno guadagnato un impressionante 1,5%. E adesso quota 30% non è più un miraggio, anzi.

Sponda a sinistra?

Ma c’è di più. Guardando a Liberi e Uguali, che in dicembre ha tenuto (ha perso lo 0,2 ed è al 7,3%), l’ipotesi di un interesse a “lavorare insieme” sui programmi con il nuovo partito guidato da Grasso potrebbe dare ai grillini quella sponda per uscire dall’isolamento in una prospettiva di governo al 40%. E soprattutto a combattere la vera nemica. Quella formula delle larghe intese, dal Pd a Forza Italia, a cui molti sembrano rassegnati con un nulla di fatto che potrebbe uscire dalle urne in primavera.

Sondaggi: centrodestra a singhiozzo

Intanto Berlusconi e Forza Italia sono sempre più padroni del centrodestra. La compagine dell’ex cavaliere ha sfondato quota 16%. E negli ultimi 15 giorni ha guadagnato quasi mezzo punto che lo attesta al 16,2%. Sondaggi negativi invece per la Lega. Il partito di Salvini, dal 6 al 22 dicembre, è sceso dal 12,7 al 12,1%, perdendo un punto secco nell’ultimo mese. E Fratelli d’Italia? Non si schioda dal 5%. La Meloni era salita al 5,4% il 6 dicembre, ma nel sondaggio del 22 è ritornata a un 5% tondo tondo.

La vera sfida

Insomma, al di là delle scaramucce tra Berlusconi e Salvini, il centrodestra adesso vale il 33,3%, che potrebbe salire del 3,3% fornito dalla così detta “quarta gamba“. In totale un 36,6%, che di fronte a “un’alleanza” Cinque stelle-LeU al 36,3% vuol dire testa a testa. Che sia questa la vera sfida delle prossime elezioni?

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here