Home Economia

Cina: dalla Banca di Piacenza Pinosa fa i conti in tasca al Dragone d’Oriente

cina-dalla-banca-di-piacenza-pinosa-fa-i-conti-in-tasca-al-dragone-doriente
Gabriele Pinosa, presidente di Go-Spa Consulting, durante l'intervento a Palazzo Galli della Banca di Piacenza

Cina: come sta l’economia della grande potenza asiatica? A metterla sotto la lente è stato Gabriele Pinosa, presidente di Go-Spa Consulting, che ha illustrato a Palazzo Galli della Banca di Piacenza luci e ombre dell’espansionismo di Pechino e le conseguenze delle sue mosse sui mercati finanziari globali.

L’incontro con l’esperto era inserito nel ricco cartellone dell’Autunno culturale della Banca di Piacenza, unica sul territorio a celebrare ottobre come mese dell’educazione finanziaria. A ribadire l’obiettivo dell’Istituto di credito, da sempre nel suo Dna, di coltivare clienti consapevoli e informati.

Cina e Covid

Pinosa, dopo il saluto introduttivo del presidente del Cda della Banca piacentina Giuseppe Nenna, si è dapprima domandato se la Repubblica Popolare guidata da Xi Jinping sia uscita “vincitrice” dalla crisi mondiale dovuta al Covid. Esaminando i dati, sembrerebbe di sì: il Pil cinese nel 2020 è tra i pochi in aumento con un +2,3%. E con proiezioni di crescita all’8% per quest’anno, e al 5,6% per il 2022. Il tutto grazie all’export e agli investimenti pubblici, mentre la sfida per il 2021 è invece soprattutto legata alla crescita dei consumi interni.

Pil in frenata

C’è comunque qualche segnale che fa vacillare sicurezze e previsioni del regime di Pechino: nel Piano quinquennale 2021-2025, per la prima volta non è stato definito un target di Pil da raggiungere, se non il raddoppio entro il 2035. Tra le ombre evidenziate da Pinosa, i chiari segnali di come la Cina stia rallentando il suo sviluppo: il Pil 2021 nel primo trimestre era in crescita del 18,3%, nel terzo trimestre del 4,9%; in frenata anche gli aumenti della produzione industriale e delle vendite al dettaglio.

Lo scontro Usa-Cina

Il presidente di Go-Spa Consulting ha poi preso in esame la “guerra” Usa-Cina, parlando di «trappola di Tucidide». Vale a dire del rischio di un conflitto che si manifesta quando una nuova potenza emergente cerca di sostituirne un’altra già consolidatasi come egemone. «Lo scontro – ha rimarcato Pinosa – è tra capitalismo liberale e capitalismo politico; quest’ultimo gestito dallo Stato, costretto ad alimentare una crescita economica costante per legittimare il potere».

I motivi di frizione tra le due potenze mondiali sono molteplici. Sul fronte dei diritti umani e delle leggi internazionali, dopo il caso Hong Kong, la “linea rossa” Usa-Cina adesso è Taiwan; è in atto poi una sfida anche tra G7 e Pechino («sono finiti i tempi – ha dichiarato il portavoce dell’Ambasciata cinese a Londra – in cui un piccolo gruppo di Paesi poteva decidere le sorti del mondo») e lo scontro ora si è spostato anche nello spazio con le missioni su Marte.

I debiti di Pechino

Tornando alle ombre, qualcuna si affaccia anche sulla sostenibilità del modello di crescita della Repubblica Popolare. Il debito delle imprese cinesi private non finanziarie è al 155% del Pil, ma c’è un forte aumento dell’indebitamento delle famiglie, che dura da cinque anni; il debito delle amministrazioni locali ammonta al 60-70% del Pil; quello del settore immobiliare a circa 5mila miliardi di dollari, pari al Pil del Giappone.

Sulle opportunità di investimento in Cina, infine Pinosa ha citato una frase di George Soros dello scorso settembre: «Chi investe in titoli cinesi rischia un brutto risveglio. Xi Jinping non sa come funzionano i mercati».

+ posts

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione d’attualità in modo libero, indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

Articolo precedenteLa Cgil di Landini: dall’attualità a una storia che parte da Piacenza 130 anni fa
Articolo successivoG20 di Roma: sulla lotta ai cambiamenti climatici solo un buco nell’acqua

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.