Cultura

Concerto “Viva Verdi”: Piacenza si prende la ribalta nazionale con Muti e Sangiuliano

concerto-viva-verdi-con-muti-e-sangiuliano-piacenza-alla-ribalta-nazionale
Da sinistra: Rolleri, Reggi, Ferrari, Tarasconi, Capra e Cella

Concerto “Viva Verdi”: a Piacenza arriva una serata da non perdere. L’appuntamento con la tappa al Municipale degli eventi musicali lanciati dal ministero della Cultura nei principali teatri italiani, allo scopo di raccogliere fondi per il salvataggio di Villa Verdi a Sant’Agata, è venerdì 8 settembre alle 20,30.

Direttore e ministro

Riccardo Muti dirigerà l’Orchestra Cherubini in un concerto lirico-sinfonico interamente verdiano. Ospite d’onore, salvo imprevisti dell’ultimo minuto, il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, che dovrebbe essere accompagnato dal sottosegretario Vittorio Sgarbi.

La serata vedrà il contributo del Coro del Teatro Municipale, preparato da Corrado Casati, e delle voci soliste del soprano Benedetta Torre e del basso Riccardo Zanellato. In programma alcune tra le più celebri pagine composte da Giuseppe Verdi, da opere quali Nabucco, Macbeth, Giovanna D’Arco, Otello, La forza del destino e I vespri siciliani.

Sponsor e budget

Il concerto è stato presentato ieri in un’affollata conferenza stampa, tenuta nella sala Ricchetti della Banca di Piacenza; e gode del sostegno dell’Istituto di credito, di Camera di Commercio dell’Emilia, Fondazione di Piacenza e Vigevano, Confindustria Piacenza. Senza il loro contributo, si parla in totale di circa 100mila euro, la serata di gala del Municipale non sarebbe stata di certo possibile; considerato soprattutto il cachet da superstar di Muti, su cui la direttrice della Fondazione Teatri cittadina, Cristina Ferrari, a margine del suo intervento di ringraziamento agli sponsor, ha glissato seccamente in nome della privacy del maestro.

Capra: nobile iniziativa

“Banca di Piacenza ha deciso molto volentieri di sostenere il prestigioso concerto con il maestro Muti e l’Orchestra giovanile Cherubini”, ha affermato Domenico Capra, consigliere di amministrazione dell’Istituto di credito. “Non solo per la valenza culturale dell’evento e dei suoi protagonisti; ma anche per il nobile scopo dell’iniziativa: il salvataggio di Villa Sant’Agata. Una decisione, la nostra, pienamente coerente con l’impegno già preso, insieme alla Fondazione, di valorizzare la Villa, luogo simbolo e potenzialmente importante punto di attrazione turistica e valorizzazione del territorio, che da sempre fa parte della nostra mission.

Tarasconi: grazie a tutti

Per il sindaco di Piacenza e presidente della Fondazione Teatri, Katia Tarasconi, “non poteva esserci evento più significativo, alla vigilia dei 220 anni del Municipale, di questo straordinario concerto. Unisce, lungo il corso della storia, le altissime eccellenze musicali di cui il nostro territorio va orgoglioso. Rendere omaggio alla figura di Giuseppe Verdi, contribuendo a tutelarne la memoria, è un gesto d’amore che siamo onorati di condividere con il maestro Muti, i talenti dell’Orchestra Cherubini, il Coro diretto dal maestro Casati. Ringrazio tutte le istituzioni che, insieme a Comune e Fondazione Teatri, presentano questo grande appuntamento”.

Reggi: obiettivo Villa Verdi  

L’augurio del presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano, Roberto Reggi, “è che questo evento possa essere importante per riportare all’attenzione di tutti il futuro di Villa Sant’Agata”. Si tratta di “un tesoro di storia da salvaguardare che merita una valorizzazione degna del genio di Verdi. Come ente, siamo felici che ne siano protagonisti il maestro Muti e l’Orchestra Cherubini che abbiamo contribuito a costituire; il talento giovanile si esprime nel solco della grande tradizione musicale e rende omaggio a uno dei suoi rappresentanti più illustri”.

Cella: occasione di crescita

“Manifestazioni ed eventi di natura artistica e culturale rappresentano occasioni di crescita e valorizzazione del territorio che creano indotto anche per il tessuto economico”, ha evidenziato il vicepresidente di Camera di Commercio dell’Emilia, Filippo Cella. “Da sempre, la Camera ha avuto tra le proprie linee di intervento il sostegno e la promozione di eventi o rassegne di tale natura. Mettere a sistema ed a fattor comune interventi condivisi e di elevato interesse culturale, consente il raggiungimento di obiettivi duraturi, qualificando e consolidando il patrimonio territoriale”.

Rolleri: cultura piacentina e italiana

Confindustria, ha sottolineato il suo presidente Francesco Rolleri, “è orgogliosa di contribuire alla realizzazione di questo evento. Il sostegno della cultura e la promozione del patrimonio storico della città sono due dei nostri principi guida. Il maestro Muti, e gli altri protagonisti del concerto daranno vita ad una serata da ricordare nel segno di Villa Verdi: la valorizzazione e riscoperta di un luogo di importanza storica non solo per la cultura piacentina, ma per l’Italia tutta”.

+ posts

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.