Spettacoli

Domenica In, la crisi continua: ecco le alternative alle Parodi

domenica-in-crisi-continua-ecco-alternative-alle-parodi
Benedetta e Cristina Parodi

Domenica In: il grande malato del palinsesto Rai è sempre al centro del dibattito in viale Mazzini. E le voci si susseguono a ritmo serrato. Soprattutto a causa dei risultati scadenti delle ultime puntate, “orfane” della concorrenza di Barbara D’Urso che tornerà a gennaio su Canale5 con “Domenica live“. Sulla carta una situazione davvero favorevole. Che però il programma di Rai1 non ha sfruttato per risalire la china degli ascolti. Basta guardare ai risultati dell’ultima puntata in onda la vigilia di Natale: 15,2% di share ma solo 2.273.000 telespettatori. Troppo poco per fugare i dubbi di chi chiede una cura radicale per salvare il salvabile.

Alta tensione a “Domenica In”

E il nervosismo dietro le quinte del programma avrebbe raggiunto livelli altissimi. Si è parlato di uno sfogo di Benedetta Parodi, ormai relegata a un ruolo marginale con collegamenti esterni dalle cucine dei vip, tra l’altro sempre più brevi. Poco, troppo poco per chi era partita con un ruolo da conduttrice a tutto tondo al fianco della sorella Cristina. Così Benedetta avrebbe minacciato di lasciare “Domenica In”. E i bene informati hanno riferito anche di qualche tensione tra le sorelle Parodi. Voci prontamente smentite  dalle immagini postate sul Natale passato insieme da Cristina e Benedetta. Ma nonostante l’assenza di quest’ultima dallo studio e il riassetto del programma, ora tutto nelle mani dell’ex conduttrice de “La vita in diretta”, come abbiamo visto la barca non si è raddrizzata.

“Domenica In”: nuova conduzione?

A questo punto non ci sono molte alternative. O si chiude, ma questa opzione sembra ancora lontana, o si procede a un cambiamento radicale di “Domenica In”. La prima ipotesi sembra prenda in considerazione un drastico taglio nella durata del programma, che potrebbe essere seguito da una nuova trasmissione nella seconda parte del pomeriggio festivo. Ma altre indiscrezioni parlano addirittura di un cambio della conduzione. I nomi che circolano in viale Mazzini sarebbero due. E di due conduttrici molto diverse. Il primo è quello di Caterina Balivo, al timone di “Detto fatto” nel pomeriggio di Rai2. Ma è il secondo nome ad essere più ricco di suggestioni.

Il fantasma della Clerici

Stiamo parlando di Antonella Clerici, l’amatissima padrona di casa de “La prova del cuoco”. Un pezzo da novanta della scuderia Rai, conduttrice anche di tanti programmi di successo in prima serata e di un’edizione di Sanremo. Ma la Clerici accetterebbe di correre al capezzale di “Domenica In” per tentare di salvare una stagione così compromessa? Un impegno che probabilmente la spingerebbe a lasciare il suo programma di cucina. Per il quale potrebbe tornare in gioco proprio Benedetta Parodi, che da tempo si dice punti a “La prova del cuoco”. Senza contare che la Rai potrebbe pensare anche Elisa Isoardi, storica sostituta di Antonella quando era in maternità.

Ma torniamo al programma del pomeriggio festivo di Rai1. Rilanciarlo è una sfida da far tremare le vene ai polsi. E se la Clerici ha tutte le carte in regola per dare battaglia alla D’Urso, in viale Mazzini resterebbe da risolvere il problema di Cristina Parodi. Tuttavia, se l’ipotesi Clerici dovesse andare in porto, probabilmente i vertici Rai sarebbero ben contenti di trovare una soluzione onorevole per la fresca ex conduttrice di “Domenica In”.

 | Website

Giovanni Volpi, giornalista professionista, è il direttore del Mio Giornale.net. Ha iniziato al Sole-24 Ore nel 1993. Dieci anni dopo è passato in Mondadori, a Tv Sorrisi e Canzoni, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicedirettore. Ha diretto Guida Tv, TelePiù e 2Tv; sempre in Mondadori è stato vicedirettore di Grazia. Ha collaborato con il Gruppo Espresso come consulente editoriale e giornalistico dei quotidiani locali Finegil.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.