Home Piacenza

Adriana Fantini, l’assessore all’Urbanistica “A tu per tu con Piacenza”: ecco la mia idea di città

adriana-fantini-lassessore-allurbanistica-a-tu-per-tu-con-piacenza-ecco-la-mia-idea-di-citta

Adriana Fantini: “La città che preferisco, in ambito europeo? Sicuramente Milano”. Ha viaggiato molto e lo ha fatto con lo sguardo attento di una professionista del settore, l’architetto e docente del Politecnico, oggi assessore all’Urbanistica del Comune di Piacenza.

Deleghe articolate, quelle di Fantini, che ruotano attorno all’idea di città del futuro e che proprio in questi giorni sono di grande attualità, in coincidenza con la presentazione del percorso partecipativo per la definizione del Piano urbanistico generale (Pug), previsto per giovedì 10 novembre a Palazzo Farnese.

Con lei, seconda ospite di “A tu per tu con Piacenza” dopo l’assessore alla Cultura Christian Fiazza, parliamo dunque di urbanistica, di piccoli e grandi interventi, da piazza Cittadella al nuovo ospedale, dalle aree verdi al centro storico, pensati per ridisegnare la città in vista delle necessità future e in accordo, almeno nelle intenzioni, con le aspettative di cittadini e associazioni.

Una lunga intervista, a Palazzo Farnese e a cura di Mirella Molinari, per mettere a fuoco il lavoro di questi primi mesi di mandato dell’assessore Adriana Fantini, ma pure di tutta la squadra della sindaca Katia Tarasconi, valutando anche l’impatto dell’incarico amministrativo sulla sua vita privata e professionale.

“A tu per tu con Piacenza” è un video-format creato in sinergia dalle testate Ilmiogiornale.net, PiacenzaDiario e PiacenzaOnline riunite sulla piattaforma Piace.news.

 

+ posts

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione d’attualità in modo libero, indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

Articolo precedenteI bronzi di San Casciano: tutto il fascino degli Etruschi che arriva fino a Piacenza
Articolo successivoLa Germania e la caduta del muro di Berlino: perché è un anniversario che fa riflettere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.