Piacenza

Liberali piacentini costretti a rinviare la decisione sul sì o no a Patrizia Barbieri

liberali-piacentini-costretti-a-rinviare-la-decisione-sul-si-o-no-a-patrizia-barbieri
Antonino Coppolino e Corrado Sforza Fogliani

Liberali piacentini: assemblea affollatissima ieri sera nella sede di via Cittadella. Numeri delle grandi occasioni, perché ci si aspettava una decisione definitiva sull’appoggio o meno dell’Associazione alla coalizione di centrodestra (Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e Liberi) che sostiene la ricandidatura di Patrizia Barbieri. Ma questa decisione non è arrivata.

Il motivo è semplice: il pontiere, l’uomo del dialogo con le altre forze del centrodestra non ha potuto dare le risposte attese dall’assemblea. Stiamo parlando dell’onorevole Tommaso Foti. Colpito dal Covid, il deputato di Fratelli d’Italia ha dovuto rinviare l’incontro chiarificatore con i vertici dei Liberali sulle questioni poste dall’Associazione alla maggioranza che governa palazzo Mercanti.

Da mesi i Liberali infatti hanno inviato le loro richieste per essere ancora parte della coalizione di centrodestra. I punti cardine sono lo smantellamento della Fondazione Teatri; la costituzione di un Consiglio di amministrazione per i musei civici di palazzo Farnese; procedure più trasparenti nei rapporti con le aziende partecipate dal Comune, a partire da Iren; una rosa condivisa di una ventina di nomi da cui poi il sindaco scelga i futuri assessori.

Dal Quirinale a palazzo Mercanti

Partita da una serie di valutazioni sulla crisi del centrodestra a livello nazionale dopo il voto del Quirinale e sulle sue ricadute locali, la seduta è stata caratterizzata dalle critiche all’Amministrazione Barbieri. Critiche pesanti, espresse dai partecipanti davanti ai vertici dell’Associazione, rappresentati dal leader storico Corrado Sforza Fogliani e dal presidente Antonino Coppolino; soprattutto perché i segnali di discontinuità amministrativa, richiesti anche nell’assemblea del novembre scorso, comunque in questi mesi non sono arrivati.

Terza lista e caso Ultori

Così si è tornati a parlare dell’ipotesi di una terza lista che insieme con altre forze moderate presenti ai piacentini un candidato sindaco alternativo a Patrizia Barbieri. Una decisione che però potrà prendere piede solo in caso di una rottura definitiva con la coalizione di centrodestra.

Nessun commento invece sul caso Ultori, il consigliere comunale dei Liberali che ha votato a favore del parcheggio nell’area dell’ex mercato ortofrutticolo, in contrasto con il capogruppo Antonio Levoni che invece non ha partecipato al voto. Chi ha provato a introdurre l’argomento, è stato subito interrotto, perché il tema non era all’ordine del giorno dell’assemblea, che sarà riconvocata appena arriveranno le risposte dell’onorevole Foti.

 | Website

Giovanni Volpi, giornalista professionista, è il direttore del Mio Giornale.net. Ha iniziato al Sole-24 Ore nel 1993. Dieci anni dopo è passato in Mondadori, a Tv Sorrisi e Canzoni, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicedirettore. Ha diretto Guida Tv, TelePiù e 2Tv; sempre in Mondadori è stato vicedirettore di Grazia. Ha collaborato con il Gruppo Espresso come consulente editoriale e giornalistico dei quotidiani locali Finegil.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.