Home Attualità

Piacenza, Patrizia Barbieri sindaco e presidente della Provincia: ce la farà?

CONDIVIDI
piacenza-patrizia-barbieri-sindaco-presidente-provincia

Piacenza: il sindaco Patrizia Barbieri si prende anche la carica di presidente della Provincia. Un binomio storico sul piano locale. Perché Barbieri è la prima donna ad assumere la carica provinciale. È un successo personale di indubbio peso, anche se annunciato da tempo. Barbieri era infatti la candidata unica alla carica di presidente. E alle urne sono andati in pochi, visto che ha votato poco più del 43% degli amministratori locali.

Diciamolo subito: candidato unico e bassa affluenza sono due segnali che fanno storcere il naso. E non solo ai puristi della democrazia, in questo caso indiretta, ma comunque rappresentativa che connota ancora la presenza delle province nel quadro amministrativo italiano. Ma il tema che oggi si discute in città è soprattutto un altro: Patrizia Barbieri riuscirà a fare tutto?

Sul fatto che il sindaco del centrodestra sia una donna capace nessuno ha dubbi anche tra i suoi avversari politici. A Piacenza però si è appena chiuso un profondo e doloroso rimpasto della giunta che governa la città. Con l’uscita di ben tre assessori (Polledri, Putzu e Garetti) a cui il sindaco, in un modo o nell’altro, ha dato il ben servito. Non solo: alla loro sostituzione con altrettanti assessori (Tassi, Papamarenghi e Cavalli), tutti politici ben noti del centrodestra locale, ha corrisposto anche un sostanzioso rimescolamento delle deleghe.

Niente da dire sulle decisioni del sindaco, libera di scegliersi la sua squadra cambiando anche in corsa. Ma di certo l’accoppiata di nomi nuovi e deleghe riviste, fa pensare che quasi in un anno e mezzo di governo (Barbieri è stata eletta a fine giugno 2017) i problemi per gestire la città siano stati parecchi. E non sempre affrontati e se mai risolti come voleva il primo cittadino.

Quindi la nuova carica di presidente della Provincia arriva in un momento non proprio felice del governo di Piacenza. Non è la ciliegina sulla torta. E in molti si chiedono se Patrizia Barbieri riuscirà nell’impresa di far quadrare il cerchio in entrambi i contesti amministrativi. Soprattutto ci si interroga sul fatto che il nuovo incarico possa sottrarre tempo prezioso ai tanti problemi del capoluogo, a partire per esempio dal nuovo ospedale cittadino. E sul fatto che alla lunga, anche per un tipo tosto come Patrizia Barbieri, il doppio impegno possa rivelarsi un boomerang.

Sullo sfondo, lasciando perdere l’opposizione, l’elezione del sindaco in Provincia “chiude” anche alla crescita di altre figure nel campo del centrodestra. Ma si sa, in questo periodo nel nostro Paese va di moda l’uomo solo al comando. E Piacenza si adegua con il suo asso pigliatutto al femminile.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.