Home Attualità

Prato: ecco cosa rischia la prof che ha avuto un figlio con un 13enne

CONDIVIDI
prato-cosa-rischia-prof-figlio-con-13enne
Prato: il Palazzo di giustizia

Prato: cosa succede in città? Che un’infermiera 35enne, assistente di anziani a domicilio, dà anche ripetizioni d’inglese a un ragazzino di 13 anni. Ma la storia si complica, perché tra la prof e l’allievo sboccia l’amore. E sboccia a tal punto che la donna – sposata e con un figlio di 7 anni – si ritrova incinta. Nasce il bambino, che ora ha 5 mesi, ma il tutto viene scoperto di recente dai genitori del minore, oggi 14enne, che interessano della vicenda la Procura della città toscana.

Prato: Pm e Dna

La Procura ha disposto un test del Dna. L’esame ha rivelato, senza tema di smentite, che il neonato è frutto dell’unione tra il minorenne e l’infermiera/prof. E nei suoi confronti scatta per adesso l’imputazione di atti sessuali nei confronti di minore.

Ma i problemi non finiscono qui. Perché secondo la legge il ragazzino a quell’età non ha la facoltà di autodeterminarsi. E di conseguenza il sesso con un minore degli anni 14 è sempre violenza sessuale, anche se i due si amano alla follia. La pena prevista è quella dell’articolo 609 ter del Codice penale. E cioè la reclusione da un minimo di 6 a un massimo di 12 anni. Stabilire quindi esattamente a quale età il ragazzino ha avuto il primo rapporto sessuale con la donna sarà determinante.

Di chi è il neonato?

Oltre a questo, adesso va affrontato un problema di non facile soluzione: a chi spetta il bambino? In altre parole, una volta stabilito con certezza che la madre è l’attuale indagata e il padre biologico è il minore, che prospettive si aprono per il neonato?

Certamente la famiglia del ragazzino potrebbe proporre un’azione legale di riconoscimento di paternità, sventolando l’esame del Dna. Bene, e poi? Che del caso si interessi il Tribunale dei minori o un giudice ordinario di Prato, nessuno si sognerebbe di togliere il neonato all’affetto e alle cure della madre. A meno che, durante il processo non si registrasse una sua inidoneità ad allevarlo. Ricordiamo, infatti, che tutta la nostra legislazione è improntata alla massima tutela dei minori e agisce nel loro esclusivo interesse.

Prato: azione boomerang

D’altra parte, sarebbe poco agevole per i genitori del 14enne dimostrare che lo stesso sia idoneo ad assumere gli oneri della paternità, almeno per ora. Si tratterebbe della famosa azione boomerang: se un tribunale riconoscesse la paternità del ragazzino lo condannerebbe semplicemente – e finché non avrà un suo reddito, condannerebbe i suoi genitori – a concorrere al mantenimento del neonato. In soldoni, la sua famiglia dovrebbe versare tutti i mesi tra i 250 e i 400 euro alla madre del bimbo.

Procedura d’ufficio

Altro problema: la probabile condanna penale della donna di Prato. Perché ci troviamo di fronte ad un reato talmente grave per cui non è possibile “rimettere la querela” da parte del ragazzino o dei suoi genitori, ma si procede d’ufficio. E difficilmente la donna sfuggirà al carcere. Oggi negli istituti di pena ci sono sezioni apposite dove le madri convivono in cella con i piccoli. Non una bella prospettiva, ma le cose stanno così.

Marito e moglie

In tutto questo che ruolo avrà il marito della donna? L’uomo sembra aver accettato la situazione, dato che ha accompagnato la moglie all’interrogatorio, dal quale sono usciti sempre insieme e in apparente armonia. Fin troppo, secondo gli inquirenti di Prato, che stanno vagliando gli sms che la 35enne e il suo allievo si sono inviati durante la loro relazione. Anche per stabilire se procedere per altre ipotesi di reato, per ora difficilmente immaginabili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.