Opinioni

RaiMovie non va chiuso, spegnere il cinema in tv è un vero errore

raimovie-spegnere-cinema-in-tv-errore

RaiMovie: cambiano i vertici di Viale Mazzini, ma gli errori si ripetono. Stavolta sono in ansia gli amanti del cinema in tv. Nel nuovo piano industriale dell’amministratore delegato Fabrizio Salini sembra infatti che non ci sia più spazio per RaiMovie; così come per RaiPremium, altro canale cult dedicato al pubblico delle fiction.

Il motivo sarebbe fare spazio all’arrivo di Rai6. Di cosa si tratta? Di un nuovo canale declinato al femminile. Si affiancherebbe a Rai4 ridisegnato al maschile. Il tutto secondo schemi di marketing ormai desueti rispetto alle sfide lanciate dallo streaming dei vari Netflix, Amazon e Sky.

Ma anche evitando le iperboli strategiche dei guru del mercato televisivo, e guardando ai dati terra terra di RaiMovie, sembra davvero una scelta incomprensibile. E un bel favore pure alla concorrenza “tradizionale”, per esempio di Mediaset, che presidia il campo con Iris, o di Cine Sony.

Il cinema gratis infatti fa ascolti in tv e RaiMovie è un signor canale tematico dall’offerta ampia e trasversale. Con film di tutti i generi e di tutti i livelli, dove i telespettatori trovano sempre un titolo da vedere nell’arco delle 24 ore.

Nel 2018 lo share medio di RaiMovie in prima serata è stato dell’1,24% (1,18% per RaiPremium; mentre per Rai6 si parla di un ipotetico 1%). I film trasmessi sono stati 5.150 (2.481 gli italiani) con una media di oltre 14 titoli al giorno, passando da Totò al cinema d’essai, dai western di Sergio Leone agli oscar hollywoodiani, per non parlare delle pellicole recenti e di successo del nostro cinema come Jeeg Robot.

In più RaiMovie costa poco: circa un milione di euro l’anno insieme a RaiPremium. E rende molto, come riporta anche ilgiornale.it, citando fonti di Viale Mazzini che parlano di 30 milioni di entrate pubblicitarie (sempre in coppia con RaiPremium).
Infine c’è pure da attuare il Decreto Franceschini che impone alla tv pubblica di trasmettere un certo numero di film a sostegno del cinema italiano. Senza RaiMovie chi lo farà?

Arrivata la notizia della probabile chiusura, è iniziata la battaglia sui social. Tante le voci che chiedono di non spegnere RaiMovie. Sia di attori, registi, produttori e sceneggiatori, sia di semplici telespettatori che pagano il canone e amano il cinema sul piccolo schermo.

A questo punto aspettiamo solo la conferma di questa scelta sbagliata e le spiegazioni di Salini, che il 16 aprile sarà in Commissione di Vigilanza Rai. Farà marcia indietro? Non ci illudiamo. La chiusura di RaiMovie (e di RaiPremium) sembra solo un brutto film, ma purtroppo in Viale Mazzini ne hanno già proiettati tanti altri.

 

 

 

 

 | Website

Giovanni Volpi, giornalista professionista, è il direttore del Mio Giornale.net. Ha iniziato al Sole-24 Ore nel 1993. Dieci anni dopo è passato in Mondadori, a Tv Sorrisi e Canzoni, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicedirettore. Ha diretto Guida Tv, TelePiù e 2Tv; sempre in Mondadori è stato vicedirettore di Grazia. Ha collaborato con il Gruppo Espresso come consulente editoriale e giornalistico dei quotidiani locali Finegil.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.