Home Cultura

Dreamers Day, a Milano la giornata dei sognatori che fanno del bene

CONDIVIDI
dreamers-day-milano-giornata-sognatori
Andrea Bertuzzi, conduttore del Dreamers Day, il suo cane Artù e Sara Turetta, fondatrice di Save the Dogs

Dreamers Day, ovvero se lo puoi sognare lo puoi fare. Il primo evento dedicato ai sognatori pragmatici torna domenica 18 novembre al Teatro Dal Verme di Milano per la sua 4ª edizione. Ma chi sono i sognatori pragmatici? Sono uomini e donne che in vari ambiti hanno realizzato un progetto di vita, credendo solo nella forza della propria visione oltre ogni ragionevole dubbio. Alternandosi sul palco dalle 10 alle 17.30 circa, al Dreamers Day raccontano la loro esperienza, generando nel pubblico presente un profondo impatto in termini di ispirazione e motivazione.

Dreamers Day: i protagonisti

Tanti gli speaker protagonisti del Dreamers Day 2018. C’è Joshua Coombes, il barbiere inglese che dedica la sua vita a tagliare i capelli ai senzatetto per donare loro un po’ di autostima e dignità. Di lui si è interessato anche Morgan Freeman con un documentario trasmesso da National Geographic. C’è Sara Turetta, fondatrice di Save the Dogs, passata da una carriera in PR&Advertising all’incontro con i massacri dei cani in Romania. Un’esperienza che ha dato vita alla sua missione: fondare un’associazione internazionale di protezione degli animali. C’è Paolo Gallo, executive coach, ex Chief human resources officer di World Economic Forum, speaker e autore del libro La bussola del successo, tradotto in 7 lingue.

Al Dreamers Day spazio anche ai giovanissimi. Ecco allora la storia di Nicolò Govoni, classe 1993, fondatore di una scuola per bambini rifugiati in Grecia, che accoglie un team internazionale d’insegnanti e fino a 100 studenti ogni giorno. E quella di Chiara Gallana, ex finalista di X-Factor con il nome d’arte Aba. Ha ideato Oxygen, una piattaforma che mette in contatto aziende, enti e fondazioni da un lato, onlus ed enti del terzo settore (no profit) dall’altro. Ma il Dreamers Day parla di sogni e i sogni riguardano tutti, non solo i giovani. Il 18 novembre sale sul palco allora anche Don Antonio Mazzi. Svela le origini della Comunità Exodus, che da quasi 40 anni si occupa del recupero di ragazzi tossicodipendenti. E continua ancora oggi a sognare un futuro migliore.

Dreamers Day: i conduttori

Francesca Del Nero, ideatrice del Dreamers Day, è affiancata sul palco dal giornalista Andrea Bertuzzi, accompagnato dal suo cane Artù. Noto su Instagram come The Golden of Milan, con oltre 21mila follower, Artù torna nella veste di cane-giornalista, supportando il suo padrone sul palco. L’insolita coppia ha inaugurato una inedita forma di pet journalism: le interviste “ArTUperTU”. Perché la presenza di un cane può stimolare la sensibilità e le emozioni degli interlocutori, consentendo loro di aprirsi maggiormente.

Dreamers Day: i numeri di un successo

Gli speaker del Dreamers Day aderiscono in forma gratuita, spinti da uno spirito di condivisione, già sfociato in progetti innovativi e collaborazioni importanti con gli spettatori. Prova tangibile che i sognatori, quando si uniscono, possono oltrepassare ogni barriera e creare un network potente e universale.
Nelle tre edizioni precedenti il Dreamers Day ha visto la partecipazione di oltre 1.500 spettatori e la presenza di più di 60 speaker italiani e internazionali. L’evento è patrocinato dalla Regione Lombardia e ha Radio Dimensione Suono come radio ufficiale (per info e biglietti: www.dreamersday.it).

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.