Home Economia

Beni culturali, al via i concorsi: si parte con mille custodi

beni.culturali-concorsi-mille-custodi
Una sala del Museo nazionale di Capodimonte (Napoli)

Beni culturali: vi interessa lavorare in un museo? Allora tenete d’occhio la Gazzetta Ufficiale del 9 agosto. Nel bollettino sarà pubblicato il bando per l’assunzione di 1.052 nuovi custodi. In organico dovrebbero essere 7.220; e invece tra musei, siti archeologici, archivi e biblioteche, oggi arrivano solo a 5.760.

Questo concorso però è solo il primo passo del ministero per i Beni e le Attività culturali (Mibac) per ridurre il deficit di personale e non solo tra gli addetti ad accoglienza e vigilanza. Il bando per diventare custode (con la probabile data di scadenza delle domande a metà di settembre) dà il via infatti a un progetto più ambizioso sulla riorganizzazione degli organici del Mibac, che ha in programma 5.400 nuove assunzioni entro l’anno.

Quota 100 e i deficit del passato

Se come ha affermato il ministro Alberto Bonisoli “i beni culturali sono un volano straordinario per l’economia, ma senza personale non funzionano o funzionano male”, l’esigenza di inserire nuovi addetti si è fatta più stringente anche per l’entrata in vigore di Quota 100. Con Opzione donna, le uscite dal lavoro causate da queste opportunità di pensionamento rischiano di pesare notevolmente sugli organici caratterizzati da un’elevata età media.

Ma per il ministro pesano anche i deficit del passato. “Abbiamo la necessità e l’urgenza di fare fronte alle drammatiche carenze di personale per la mancanza di turnover negli scorsi anni”, ha sottolineato Bonisoli. “Un problema che nessuno dei ministri che mi ha preceduto ha mai pensato di affrontare; e che ha costretto il Mibac, per anni, a gestire il proprio patrimonio con risorse umane del tutto insufficienti e con gravissime conseguenze sulla gestione tecnica e amministrativa di siti archeologici, musei, archivi, biblioteche”.

Beni culturali: gli altri bandi

“Le operazioni di reclutamento sono ora rese più fluide dal decreto concretezza”, ha spiegato a ilsole24ore.com Alessandro Benzia, direttore delle risorse umane del ministero. “Al bando dei mille addetti all’accoglienza e alla vigilanza seguirà quello per 250 funzionari amministrativi. Inoltre, sono programmati concorsi per la dirigenza del ministero e per funzionari del profilo tecnico-scientifico, compresi fisici, chimici, ingegneri e informatici; nonché ulteriore personale amministrativo-gestionale e per l’accoglienza e vigilanza”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.