Home Attualità

Cingolani? Per Europa Verde guida il ministero della Finzione ecologica

europa-verde-cingolani-guida-il-ministero-della-finzione-ecologica
Il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani

Roberto Cingolani sulla graticola. “È scandaloso che il ministro della cosiddetta Transizione ecologica Cingolani continui a sostenere, come ha fatto oggi nella sua intervista al Corriere della Sera, che siano necessari aiuti e incentivi per l’acquisto di auto con motore endotermico, anziché puntare sull’elettrico o, casomai, l’ibrido. A questo si aggiunga la parte nella quale lo stesso Cingolani indica gli esempi da imitare della Francia con il nucleare e la Germania con il gas. Dimostrando ancora una volta come il suo ministero si debba chiamare della Finzione Ecologica”. Parole dure, scritte in una nota dai co-portavoce di Europa Verde Angelo Bonelli ed Eleonora Evi.

Supercar e autobus

“Ricordiamo ancora le parole dello stesso ministro quando spiegava che la conversione ecologica sarà un bagno di sangue; oppure quando ha fatto la guerra al piano energia e clima Fit for 55 dell’Ue affermando che con le indicazioni del piano Ue la Motor Valley delle supercar chiuderà; o quando ha proposto un Pnrr che è assolutamente inadeguato a costruire la transizione ecologica non investendo nel trasporto pubblico: verranno sostituiti solo l’11% di autobus e treni regionali molti dei quali ancora alimentati a diesel e obsoleti a fronte di una crisi sanitaria rappresentata dallo smog che provoca, secondo l’Agenzia europea per l’ambiente, 56.000 decessi all’anno”.

Pnrr e alluvioni

Non Basta. “Neanche i dati drammatici delle ultime ore, prima con le alluvioni e poi con gli incendi, segni evidenti di uno stato avanzato della crisi climatica, hanno convinto Cingolani a cambiare atteggiamento”, aggiungono gli ecologisti ripresi anche dall’agenzia Dire. “Del resto il Pnrr del governo Draghi, insieme al decreto Semplificazioni, non sta preparando il nostro Paese alla transizione ecologica e alla cura del territorio, ma a colate di cemento con l’alibi della ripresa economica, mentre sono previsti solo 2,49 miliardi di euro su 230 per interventi per la gestione del rischio alluvione e la riduzione del rischio idrogeologico e il consumo di suolo procede a ritmi di 2 mq/al secondo, come riportato dal report Ispra della settimana scorsa”.

Conversione ecologica

Infine, concludono Bonelli ed Evi, “noi crediamo fortemente che l’Italia debba credere nella conversione ecologica, per questo è incredibile che in Parlamento non esista una vera opposizione a chi sta ostacolando la transizione ecologica. Noi di Europa Verde, come sempre, svolgeremo il nostro ruolo di controllo dell’operato delle istituzioni e di elaborazione di proposte concrete per fronteggiare la situazione sempre più grave dettata dalla crisi climatica”.

+ posts

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione d’attualità in modo libero, indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

Articolo precedentePerazzoli (Only4U): per vincere nel turismo Piacenza deve cambiare marcia
Articolo successivoVaccinazione obbligatoria: dall’ordinanza del Tribunale di Modena alla scuola, cosa succederà?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.