Home Attualità

Pubblica Amministrazione: la cattiva burocrazia ci costa 57 miliardi l’anno

pubblica-amministrazione-cattiva-burocrazia-costa-57-miliardi-lanno

La Pubblica Amministrazione blocca la ripresa italiana? A sentire la Cgia sembra proprio così. E il quadro disegnato dall’ultimo report dell’Associazione di Mestre, che ha ricostruito il peso economico del problema, non lascia scampo.

Costi enormi

“Dopo 2 anni di crisi pandemica, a cui si sono aggiunte negli ultimi mesi le difficoltà di reperire le materie prime e il caro energia” a causa della guerra in Ucraina, “continua, in maniera altrettanto preoccupante, la stretta dell’oppressione burocratica sugli imprenditori”, sostiene l’Ufficio studi della Cgia.

A causa “dell’eccessivo numero di adempimenti, di permessi e l’espletamento delle pratiche richieste dalla nostra burocrazia, il costo annuo in capo alle imprese italiane ammonta a 57 miliardi di euro”. Un calcolo elaborato “anche alle luce delle analisi elaborate dall’Istituto Ambrosetti e da Deloitte”.

In generale, “i tempi, i costi e la farraginosità della cattiva burocrazia italiana costituiscono un problema che caratterizza negativamente il nostro Paese”. Al suo interno però “sono presenti forti differenziazioni tra Nord e Sud, nonché tra Regioni a statuto ordinario e Regioni a statuto speciale”. E nel Mezzogiorno, “dove la nostra Pubblica Amministrazione (PA) è meno efficiente, la situazione è maggiormente critica”.

Investitori stranieri e produttività

Non è un caso, infatti, “che molti investitori stranieri rifiutino a trasferirsi in Italia proprio per la difficoltà di approcciarsi con il nostro sistema burocratico che non ha eguali tra i nostri principali partner europei”. E come segnala l’Ocse, “la produttività media del lavoro delle imprese italiane è più elevata nelle zone dove la PA è più efficiente. Per contro, dove invece è più bassa, la produttività del settore privato ne risente negativamente. In questo studio, inoltre, si dimostra che l’inefficienza del settore pubblico ‘produce’ maggiori costi economici alle piccole che alle grandi imprese”.

Confronto impietoso

L’Italia così è a un deludente 136° posto nel mondo per complessità amministrativa. “Il risultato che emerge dal confronto con gli altri Paesi europei è impietoso. Nel decennio 2008-2018, gli ultimi dati disponibili dati del World economic forum mostrano che il grado di complessità amministrativa che grava sulle imprese è nettamente superiore da noi che negli altri principali Paesi nostri competitori”. E se possibile le cose stanno addirittura peggiorando. Guardando al rank mondiale, “rispetto a 10 anni prima abbiamo perso addirittura sei posizioni”.

Non solo imprese

A lamentarsi della scarsa qualità dei servizi resi dalla nostra PA, prosegue il report della Associazione di Mestre, “non sono solo le imprese, ma anche i cittadini. Nell’ultima indagine effettuata dalla Commissione europea su un campione di intervistati tra il 18 gennaio e il 14 febbraio di quest’anno, emerge che tra i 27 Paesi Ue, l’Italia si colloca desolatamente al 24° posto. Solo Romania, Bulgaria e Grecia registrano un livello di gradimento dell’offerta dei servizi pubblici inferiore al nostro”.

Un cittadino su tre

In Italia “solo il 35% dei cittadini considera ‘abbastanza buona e molto buona’ l’offerta resa dalla nostra PA; in Spagna la percentuale sale a 43, in Francia a 50, in Germania a 63 e nei Paesi Bassi addirittura a 89. La media della Ue a 27 è pari al 52%”. Qui l’Italia è cresciuta. Ma “sebbene il nostro Paese abbia recuperato 5 punti percentuali rispetto alla rilevazione fatta nel 2019 (anno pre-Covid), nell’ultima rilevazione continuiamo comunque a essere relegati nella parte bassa di questa particolare graduatoria”.

Male anche le Regioni

Per qualità istituzionale, “se a livello regionale ci confrontiamo con il resto d’Europa anche sulla percezione della qualità, imparzialità e corruzione della nostra PA, il risultato che emerge è molto desolante”.

Su 208 Regioni monitorate a livello europeo dall’Università di Göteborg (anno 2021) quella più virtuosa è la finlandese Ǻland. La prima realtà territoriale italiana per qualità istituzionale, vale a dire la provincia Autonoma di Trento, si colloca invece al 100° posto. Seguono il Friuli Venezia Giulia al 104°, il Veneto al 109°, la Provincia Autonoma di Bolzano al 117°. La Toscana e l’Emilia-Romagna sono rispettivamente al 126° e 127° posto.

Nel Sud, Puglia (190° posto), Sicilia (191°), Basilicata (196°), Campania (206°) e Calabria (207°) si piazzano invece nelle ultime 20 caselle della graduatoria. Appena sopra il fanalino di coda a livello europeo che è la Regione rumena di Bucaresti-Ilfov.

Qualità, imparzialità e corruzione

L’indice finale sulla qualità istituzionale della PA redatto dall’Università di Göteborg, aggiunge il report della Cgia “è frutto di un mix di quesiti posti ai cittadini che riguardano la qualità dei servizi pubblici, l’imparzialità con la quale questi vengono assegnati e la corruzione. Nello specifico i quesiti convergono su tre servizi pubblici che hanno valenza più ‘territoriale’: istruzione, sanità e pubblica sicurezza”. In più l’indice finale, oltre ai dati delle indagini regionali, tiene conto anche di altri servizi più generali (ad esempio la giustizia), includendo alcuni indicatori della Banca mondiale (su dati nazionali).

Che fare?

Secondo l’Ufficio studi della Cgia, il miglioramento dell’efficienza della macchina pubblica deve svilupparsi secondo tre direttrici. “Innanzitutto attraverso una digitalizzazione estesa del rapporto tra PA e imprese, soprattutto attraverso il dialogo tra le banche dati pubbliche; standardizzazione dei procedimenti e della modulistica; riorganizzazione delle competenze e riduzione del numero di enti pubblici coinvolti nel medesimo procedimento”.

In questo modo “si creeranno le condizioni per applicare finalmente il principio dell’once only; in base al quale le pubbliche amministrazioni non possono chiedere all’impresa i dati già in loro possesso. Infine, secondo gli artigiani mestrini, “l’impresa deve poter contare su norme chiare, senza doversi assumere la responsabilità di interpretazioni incerte, rischiando di essere sanzionata a seguito di controlli da parte di soggetti diversi, non coordinati, o che interpretano in maniera differente la medesima normativa”.

In sintesi, “le imprese chiedono che il rapporto con la PA si semplifichi con una sola istanza, una sola piattaforma informatica, una sola risposta ed un solo controllo”. Infine, fondamentale per la Cgia, “il monitoraggio delle semplificazioni già introdotte, ed evitare l’emanazione continua di nuove norme che modificano le precedenti, complicando ulteriormente la vita delle imprese”.

+ posts

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione d’attualità in modo libero, indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

Articolo precedenteComunali, Cugini e i suoi 100 candidati: Alternativa per Piacenza inizia a far paura?
Articolo successivo“Piacenza in chiaro”: luci e ombre nell’opuscolo del sindaco Patrizia Barbieri

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.