Cultura

Teatro Municipale di Piacenza: tutto sulla nuova Stagione 2024/2025

teatro-municipale-di-piacenza-tutto-sulla-nuova-stagione-2024-2025
Da sinistra: Ferrari, Tarasconi e Salice

Teatro Municipale di Piacenza: presentata la Stagione 2024/2025. Da dicembre a giugno, propone cinque titoli d’opera, sei concerti e cinque balletti. Il tutto in attesa di presentare un significativo progetto verdiano programmato nell’autunno 2025 e annunciato oggi dal sindaco Katia Tarasconi, presidente della Fondazione Teatri, da Cristina Ferrari, direttrice dell’Ente, e da Luigi Salice, consigliere della Fondazione di Piacenza e Vigevano. 

In memoria di Giuseppe Verdi previsto un Recital che vedrà protagonista il baritono Luca Salsi, in occasione del 124° anniversario della morte del grande compositore. Crescono poi le produzioni della Stagione Young: già a partire da settembre propone la prima edizione del Campus Teatro per ragazzi, tra laboratori e spettacoli. Si rinnova l’attenzione al contemporaneo con la proposta di una nuova commissione d’opera all’interno del Festival MusicMediale in collaborazione con il Conservatorio Nicolini di Piacenza.

Puccini, Händel e…

La Stagione d’Opera, fino a giugno 2025, è caratterizzata da nuovi allestimenti che spaziano dal Settecento al primo Novecento, e da un’intensificazione delle coproduzioni anche a livello europeo. L’inaugurazione sarà affidata a Madama Butterfly, che conclude l’omaggio al centenario pucciniano iniziato con Turandot, in un nuovo allestimento del Teatro Municipale di Piacenza, diretto da Matteo Beltrami con la regia di Leo Nucci, in coproduzione con il Teatro Comunale di Ferrara, con il soprano Claudia Pavone al debutto nel ruolo del titolo, il tenore Angelo Villari e il baritono Alessandro Luongo.

Spazio al barocco con Giulio Cesare di Händel, affidato alla direzione di Ottavio Dantone, tra i massimi esperti del repertorio, alla guida della sua Accademia Bizantina. A firmare il nuovo allestimento Chiara Muti, per una coproduzione che vede uniti i Teatri di Ravenna, Piacenza, Modena, Reggio Emilia, Lucca e la Fondazione Haydn di Bolzano e Trento; con un cast vocale composto dai più affermati specialisti quali Raffaele Pe, Marie Lys, Delphine Galou, Davide Giangregorio, Filippo Mineccia.

Prosegue la proposta di titoli di fine Ottocento, che ha contraddistinto le recenti stagioni del Municipale, con il dittico composto da Cavalleria rusticana/Pagliacci di Mascagni e Leoncavallo, in una nuova coproduzione tra i Teatri di Modena, Piacenza e Sofia Opera and Ballet. Maestro concertatore e direttore sarà Aldo Sisillo, con la regia di Plamen Kartalov e le voci di Teresa Romano, Daniela Schillaci, Angelo Villari, Ernesto Petti.

A concludere la Stagione operistica prima della pausa estiva sarà Die Zauberflöte (Il flauto magico) di Mozart, titolo assente dal Municipale da cinquant’anni. Sarà diretto da Massimo Raccanelli con la regia di Marco Bellussi, nel nuovo allestimento realizzato in coproduzione dai Teatri di Ferrara e Piacenza; tra i protagonisti, Dmitrii Grigorev, Leonor Bonilla, Antonio Mandrillo.

Balletti e concerti

La Stagione Danza vedrà il ritorno nel Teatro della sua città del piacentino Giacomo Rovero, dopo la recente nomina a solista del Royal Ballet di Londra, in un gala tra classico e contemporaneo, assieme ad altri artisti del prestigioso corpo di ballo inglese. Il cartellone alternerà un caposaldo come Lo Schiaccianoci, portato in scena dal Balletto del Teatro Nazionale di Tirana, alla nuova Trilogia composta da L’aprés-midi d’un fauneBoléro e Le Sacre du printemps della Compagnia Zappalà. A passo di flamenco sarà “Una noche con Sergio Bernal”; per concludere con un classico come Romeo e Giulietta di Balletto del Sud.

Sei gli appuntamenti della Stagione concertistica, dal Barocco al Novecento. Sul podio direttori di rilievo internazionale, orchestre prestigiose e solisti fuoriclasse. Dal recital pianistico del giovanissimo Artemy Sokolovsky, vincitore del Premio Bengalli 2023, al Concerto di San Silvestro diretto da Sesto Quatrini con l’Orchestra Farnesiana; dall’Ensemble di musica antica dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai “La Mole Armonica” all’Orchestra della Svizzera Italiana diretta da Krzysztof Urbanski con il pianoforte di Jan Lisiecki; dalla Filarmonica Arturo Toscanini diretta da Quatrini con il violino solista di Carolin Widmann fino al consolidato appuntamento nella Cattedrale di Piacenza, con il Requiem di Gabriel Fauré, eseguito dall’Orchestra Farnesiana diretta da Giulio Prandi. 

Gli sponsor

Le Stagioni 2024/2025 della Fondazione Teatri di Piacenza sono realizzate grazie al contributo di Comune di Piacenza; Ministero della Cultura; Regione Emilia-Romagna; Fondazione di Piacenza e Vigevano; Iren; Confindustria Piacenza.

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.