Attualità

Arpae, Castaldini (FI): perché Bonaccini ha ridotto il ruolo dell’Agenzia regionale per prevenzione, ambiente ed energia?

arpae-castaldini-fi-perche-bonaccini-ha-ridotto-ruolo-agenzia-regionale-per-prevenzione-ambiente-energia
La sede della Regione Emilia-Romagna; nel riquadro, Valentina Castaldini

Arpae: in Emilia-Romagna scoppia il caso dell’Agenzia regionale per la prevenzione, l’ambiente e l’energia, i cui pareri non saranno più vincolanti. A sollevarlo è Valentina Castaldini consigliere regionale e capogruppo di Forza Italia. “La Giunta Bonaccini con una delibera in pieno agosto ha ridimensionato il ruolo di Arpae, non ritenendo più vincolanti i suoi pareri – come invece pare prevedere la normativa – per la valutazione di sostenibilità ambientale e territoriale (Valsat) per tutti i piani e programmi di competenza della Regione; della Città metropolitana di Bologna; dei Comuni e delle loro Unioni; nonché per le loro modifiche. Una scelta alquanto singolare su cui chiedo chiarezza”, scrive in una nota Castaldini.

In piena emergenza alluvione

Si tratta di “una valutazione rilevante; visto che Arpae da sempre si esprime sulla compatibilità e sulla sostenibilità territoriale ed ambientale dei diversi progetti”, evidenzia la capogruppo di FI. “Un’attenzione che in un periodo come quello che stiamo attraversando, ancora in piena emergenza dopo l’alluvione che ci ha travolti a maggio, deve restare assolutamente alta. Per far sì che lì dove si decide di costruire non ci siano pericoli, e che siano ridotti il più possibile gli impatti sul territorio per evitare conseguenze come quelle a cui abbiamo purtroppo assistito”.

Ente esperto

Così adesso Castaldini chiede in un’interrogazione “all’assessore all’Ambiente Irene Priolo quale sia stata la visione dietro questa delibera che ha portato alla decisione di togliere uno degli enti più esperti sul piano ambientale dalla definizione dei piani urbanistici e delle Valsat che le nostre province e la città metropolitana si troveranno a dover approvare”. Non solo: “C’è proprio una normativa regionale che prevede che Arpae provveda almeno all’istruttoria per un parere sui singoli progetti; quindi chiedo se la stessa delibera non sia in conflitto con la normativa vigente”.

Quanti no?

Poi Castaldini nella sua nota si fa maliziosa: “Mi incuriosisce sapere se Arpae ha emesso pareri negativi o svolto istruttorie propedeutiche a pareri sfavorevoli negli ultimi dodici mesi per la valutazione di sostenibilità ambientale e territoriale (Valsat) che viene effettuata per tutti i piani e programmi di competenza della Regione; della Città metropolitana di Bologna; dei soggetti d’area vasta; dei Comuni e delle loro Unioni; nonché per le loro modifiche”.

Dall’oggi al domani

Infine, la capogruppo di FI conclude chiedendo “se la stessa Giunta Bonaccini non ritiene fondamentale, per una valutazione piena ed esaustiva degli aspetti di sostenibilità ambientale e territoriale, il ruolo svolto fino ad oggi da Arpae. Credo sia doverosa una spiegazione, più che plausibile, per una scelta del genere. Al netto del fatto che si possa anche decidere di non aver più bisogno di Arpae, ma dall’oggi al domani i pareri non possono non essere più indispensabili”.

+ posts

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.