Attualità

Superbonus, Meloni: situazione fuori controllo, truffe per nove miliardi

superbonus-meloni-fuori-controllo-truffe-per-nove-miliardi

Superbonus: “La situazione è fuori controllo, a ogni singolo italiano è costato circa 2.000 euro“. Per come è stato pensato, questo provvedimento “si presta alla truffa e a creare una bolla che tende a far lievitare questo meccanismo. Risultato: il costo totale attualmente è di circa 105 miliardi di euro e sono stimate 9 miliardi di euro di truffe“. Sciorina i numeri, la premier Giorgia Meloni, per rispondere alle numerose proteste sul decreto approvato giovedì in Consiglio dei ministri che ha sancito lo stop alla cessione del credito e allo sconto in fattura per i bonus edilizi. Una risposta della premier non solo alle opposizioni, ma anche a chi nel Governo adesso tira il freno e chiede modifiche, come Forza Italia. E in vista degli incontri convocati la prossima settimana con le associazioni coinvolte dal decreto e le parti sociali.

Appunti amari

Nella sua consueta rubrica su Facebook, Gli appunti di Giorgia, ripresa anche dall’Agenzia Dire, Meloni spiega: “Nel Consiglio dei ministri siamo tornati a occuparci dell’annosa vicenda del superbonus. Siamo tornati su questa materia perché ancora una volta abbiamo dovuto cercare di sanare una situazione che è diventata purtroppo fuori controllo, con esiti che possono essere imprevedibili e molto pesanti“.

Il superbonus, “dal mio punto di vista, l’ho detto e lo ripeto, nasceva con intenti condivisibili; ma la misura è stata scritta e fatta così male che ha generato una serie enorme di problemi che noi oggi abbiamo ereditato e siamo tenuti a cercare di risolvere. Il costo totale attualmente è di circa 105 miliardi di euro. E questo è interessante, perché chi lo ha inventato è andato in campagna elettorale a dire che grazie a lui voi potevate gratuitamente ristrutturare casa”.

Però, prosegue la premier e leader di Fratelli d’Italia, “c’è un problema: quando lo Stato fa una cosa non è mai gratuita; perché i soldi che spende sono soldi dei contribuenti, quindi da una parte lo Stato i soldi li mette e dall’altra li toglie”. Il costo di “poco meno di 2.000 euro”, rimarca la presidente del Consiglio, è ricaduto “anche sulle spalle di chi non ha una casa, su un senzatetto, su un bambino, su un neonato. Quindi non è stata una misura gratis”.

Truffe e bolla

Il superbonus, sostiene ancora Meloni, “ha bisogno di essere sistemato; anzitutto perché ci sono state moltissime truffe; ad oggi sono stimate 9 miliardi di euro di truffe, cioè di lavori che non sono stati fatti o di lavori che sarebbero stati fatti su edifici che non esistono”. E va segnalato che anche il suo predecessore, Mario Draghi, aveva sottolineato il problema delle truffe su questa misura. Una posizione che aveva fatto arrabbiare il Movimento 5 Stelle che sosteneva l’esecutivo di larghe intese, guidato dall’ex presidente della Bce.

Col superbonus, rimarca la premier, “ovviamente è accaduto anche che la bolla si è gonfiata così tanto che a un certo punto chi aveva questi crediti, le aziende prevalentemente, non poteva compensarli più; perché aveva esaurito la sua possibilità di compensare quel credito con le tasse; e non riusciva più neanche a cederli, perché anche i cassetti fiscali delle banche e degli altri attori che potevano comprare quei crediti si sono chiusi”.

Così adesso “c’è gente perfettamente onesta che ha fatto dei lavori; si è fidata dello Stato, ha fatto quello che diceva lo Stato e si è ritrovata con dei lavori fatti e dei soldi che non può prendere… perché questo ha prodotto questa interessantissima misura gratuita. E noi oggi abbiamo migliaia di aziende che rischiano il tracollo; quindi, siccome lo abbiamo ereditato noi, adesso noi dobbiamo cercare una soluzione perché qualcuno potesse dire in campagna elettorale che gratuitamente si ristrutturavano le case”, conclude la presidente del Consiglio in forte polemica con i 5 Stelle.

+ posts

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.