Home Economia

Banca di Piacenza a passo di carica: utile in crescita del 30% nel primo semestre 2022

banca-di-piacenza-a-passo-di-carica-utile-in-crescita-del-30-primo-semestre-2022

Banca di Piacenza a passo di carica. L’Istituto di credito ha chiuso il primo semestre del 2022 con un utile netto pari a 9,9 milioni di euro, evidenziando così un aumento del 30% rispetto al 30 giugno 2021.

La raccolta complessiva da clientela, diretta e indiretta, si attesta sopra i 5,8 miliardi di euro, spiega una nota dell’Istituto di credito piacentino. Gli impieghi netti, considerando solo i finanziamenti verso la clientela, si attestano a 2.138,5 milioni di euro (2.062,7 milioni al 31 dicembre 2021, +3,68%), confermando il continuo sostegno alle famiglie e imprese del territorio. La Banca di Piacenza nel primo semestre del 2022 ha erogato infatti oltre 221 milioni di finanziamenti. Ed è proseguita con successo anche l’attività connessa ai bonus edilizi, per i quali la Banca si era fin da subito attivata al fine di rispondere alle esigenze della clientela.

La buona qualità dell’attivo è confermata dalla bassa incidenza delle sofferenze nette sugli impieghi alla clientela (in linea con il dato di dicembre 2021 e pari allo 0,42%), così come dal grado di copertura pari al 76,20%.

Il risultato netto della gestione finanziaria, dopo le rettifiche di valore per rischio di credito pari a 2,8 milioni di euro, registra un incremento del 9,49% rispetto al 30 giugno 2021, confermando così l’andamento positivo del semestre. 

I dati positivi, prosegue la nota di via Mazzini, permettono alla Banca di Piacenza di riconfermare la solidità patrimoniale, per effetto anche dell’apporto del risultato del semestre. 

Da soci all’online

In costante progresso pure il numero dei soci e il numero di conti correnti rispetto al primo semestre 2021; infatti, nei primi sei mesi del 2022, sono stati registrati più di 3mila nuovi rapporti di clientela. 

In aumento le operazioni online effettuate dalla clientela, a conferma dell’attenzione della Banca di Piacenza verso un processo di digitalizzazione dei servizi offerti. In particolare, si evidenzia come circa l’80% dei bonifici siano stati effettuati tramite il canale dell’internet banking.

Filiali e cultura

La Banca di Piacenza ha inoltre ampliato la propria rete sul territorio aprendo una nuova filiale – acquistando un immobile in proprietà – a Voghera, la terza nel Pavese dopo Stradella e Zavattarello. 

Alla soddisfazione per i risultati raggiunti si accompagna quella per gli ottimi esiti dell’iniziativa culturale “500 anni dalla posa della prima pietra di Santa Maria di Campagna”, le cui celebrazioni sono iniziate ad aprile 2022 e proseguiranno fino ad aprile 2023. A dimostrazione della capacità della Banca di produrre valore sia per i soci, sia per la comunità, conclude la nota dell’Istituto di credito.

+ posts

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione d’attualità in modo libero, indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

Articolo precedenteFondazione Teatri promossa dal ministero della Cultura: plauso di Tarasconi, ma Sforza “bacchetta” il sindaco
Articolo successivoElezioni politiche, centrodestra: a Piacenza scende in campo il leghista Giorgetti?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.