Home Cultura

Fondazione Teatri promossa dal ministero della Cultura: plauso di Tarasconi, ma Sforza “bacchetta” il sindaco

fondazione-teatri-promossa-da-ministero-cultura-plauso-tarasconi-ma-sforza-bacchetta-sindaco
Il Teatro Municipale di Piacenza

Fondazione Teatri di Piacenza al centro di nuove polemiche: solo un temporale estivo o la ricomparsa di una perturbazione che da anni si addensa dalle parti del Municipale? Il paragone metereologico ci sta tutto. Vediamo perché.

Il 5 agosto sono state rese note le classifiche della commissione consultiva per la Musica, approvate dalla direzione generale Spettacolo del ministero della Cultura. A che cosa servono? Stabiliscono l’accesso al contributo del Fus (Fondo unico per lo spettacolo) per i progetti artistici triennali 2022-2024 e per i programmi annuali 2022.

Nella sezione relativa ai Teatri di tradizione (stagioni d’opera, concerti e danza), la Fondazione piacentina ha raggiunto 22 punti su un massimo di 35, al pari del Regio di Parma. Secondo l’Ente che gestisce Municipale, Teatini, San Matteo e Filodrammatici, 10 punti in più rispetto al triennio precedente.

Premiata la qualità

“Il Municipale di Piacenza – hanno evidenziato dalla Fondazione Teatri – continua il processo di crescita che lo ha portato, negli indicatori di qualità ministeriali, tra i prestigiosi Teatri di Tradizione a livello regionale e nazionale, puntando oltre al consolidamento del repertorio tradizionale anche sui giovani artisti sull’avvicinamento di nuove generazioni di spettatori e sui nuovi linguaggi musicali e della scena”.

Il plauso del sindaco

A stretto giro ieri è arrivato anche il plauso del sindaco e presidente della Fondazione Teatri Katia Tarasconi. “È una grande opportunità per la cultura della nostra città, grazie all’ottimo lavoro svolto dalla direzione e dallo staff del Teatro Municipale. Viene premiata la competenza, grazie alla quale si sono già avviati e sono in cantiere per il prossimo futuro progetti di alta qualità”.

Il tweet di Sforza

Tutto bene? No, almeno per Corrado Sforza Fogliani, che oggi siede in Consiglio comunale. Da sempre il leader dei Liberali piacentini è molto critico sulla Fondazione teatri. E negli anni scorsi ha attaccato più volte l’amministrazione di centrodestra guidata dal sindaco Patrizia Barbieri, facendo dello smantellamento della Fondazione Teatri uno dei suoi cavalli di battaglia.

Dopo il voto favorevole alla manovra di assestamento del bilancio da 18 milioni della Giunta Tarasconi, che comprendeva tra i fondi già elargiti circa 700mila euro per l’Ente diretto da Cristina Ferrari, qualcuno magari aveva pensato che Sforza si fosse ammorbidito. Ma ha fatto male i suoi conti. Nessuna tregua. Stamattina infatti il leader dei Liberali ha postato un tweet inequivocabile sulle valutazioni positive del sindaco Tarasconi.

Alla prossima puntata

Più che a un temporale estivo viene così da pensare che all’orizzonte si prospetti il ritorno di una densa perturbazione sulla Fondazione Teatri. Come in passato sarà ancora fonte di forti tensioni tra l’Amministrazione comunale, stavolta di centrosinistra, e i Liberali piacentini? Per scoprirlo non ci resta che aspettare la prossima puntata, che di sicuro, dopo la “bacchettata” di Sforza al sindaco Tarasconi, non risparmierà nuovi colpi di scena.

Website | + posts

Giovanni Volpi, giornalista professionista, è il direttore del Mio Giornale.net. Ha iniziato al Sole-24 Ore nel 1993. Dieci anni dopo è passato in Mondadori, a Tv Sorrisi e Canzoni, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicedirettore. Ha diretto Guida Tv, TelePiù e 2Tv; sempre in Mondadori è stato vicedirettore di Grazia. Ha collaborato con il Gruppo Espresso come consulente editoriale e giornalistico dei quotidiani locali Finegil.

Articolo precedenteCalenda: l’addio al Pd di Letta e le prossime mosse del leader di Azione
Articolo successivoBanca di Piacenza a passo di carica: utile in crescita del 30% nel primo semestre 2022

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.