Attualità

Il Covid non molla: verso la proroga dello stato di emergenza, e per il green pass…

covid-verso-proroga-stato-di-emergenza-e-green-pass

Covid: si va verso una proroga dello stato di emergenza e del green pass. Come mai? Perché i dati non sono così buoni. La curva dei contagi in Italia ha ripreso a crescere. Nelle ultime tre settimane ha fatto registrare un raddoppio dei casi positivi. “Come Governo ci baseremo sull’evidenza scientifica”, ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza. “Se sarà necessario prorogare lo stato di emergenza, lo faremo senza timore. Ricordo che ad oggi la curva è in risalita”.

In media, ha spiegato il fisico Giorgio Sestili all’Ansa, si è registrato un aumento dei casi positivi sulla settimana precedente pari al 35% (1,35 casi al giorno). Quello che preoccupa è che si tratta di numeri pressoché simili a quelli dello scorso anno. Ma allora c’era il semi-lockdown e un’Italia a colori; oggi invece ci sono i vaccini che hanno mitigato il proliferare dell’epidemia.

In questo quadro, il Governo pare deciso a prorogare l’estensione dello stato di emergenza per il Covid di almeno tre mesi: dal 31 dicembre 2021 a fine marzo 2022; ma servirà un apposito provvedimento da approvare in Parlamento, visto che lo stato di emergenza non può superare i due anni. Nei fatti che cosa comporta? Per esempio, la conferma della struttura commissariale, dei protocolli di sicurezza (distanziamento e mascherine), delle norme sullo smart working e così via.

Al contempo l’Esecutivo pensa di prorogare anche l’uso del green pass, ma stavolta si va al mese di giugno. Per il Governo è essenziale proseguire con la campagna vaccinale. Convincere gli scettici, fare la seconda dose al milione e mezzo di italiani vaccinati con J&J (quasi certo l’utilizzo di Pfizer), e le terze dosi agli altri, a partire dai soggetti più fragili.

In sostanza, un allentamento del certificato verde sarà possibile solo con una maggior copertura della profilassi anti Covid, sperando che non spuntino altre varianti. Sul tema ha parlato chiaro il sottosegretario al ministero della Salute Andrea Costa dai microfoni di Radio24. Per il Covid, ha detto, “il prolungamento dello stato di emergenza e le misure restrittive sono correlate al numero dei vaccinati (oggi al 75% circa, ndr). Credo che vadano date delle prospettive ai cittadini e che con il 90% dei vaccinati si possa prendere in considerazione l’allentamento delle misure”.

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.