Attualità

Lavoro in crescita a Piacenza, ma aumentano anche gli “introvabili”

lavoro-in-crescita-a-piacenza-ma-aumentano-gli-introvabili

Lavoro in crescita a Piacenza e provincia: lo dicono i nuovi contratti previsti nel mese di dicembre 2023 e nel trimestre dicembre 2023-febbraio 2024. Il mese corrente, infatti, si dovrebbe chiudere con l’attivazione di 1.580 nuovi rapporti di lavoro, vale a dire il 6% in più rispetto al dicembre 2022; mentre nel trimestre dicembre 2023/febbraio 2024 ne sono previsti 6.710, con una crescita del  5,5% rispetto agli stessi mesi invernali 2022/2023.

L’andamento dei nuovi contratti di lavoro, secondo le analisi elaborate dal Sistema informativo Excelsior (gestito da Unioncamere-Anpal in collaborazione con l’Ufficio studi della Camera di Commercio dell’Emilia) non mostra in generale segni di criticità, anche se le previsioni appaiono molto differenziate tra i settori di attività.

Servizi al top

Le attivazioni di nuovi contratti di lavoro previste a dicembre in città e dintorni si sono concentrate per il 65% nel settore dei servizi con 1.040 unità (-3,7% rispetto allo stesso mese del 2022) ed in particolare  nei servizi alle imprese (580 unità) e alle persone (140), nei servizi turistici, di alloggio e ristorazione (120 ingressi) e nel commercio (210 ingressi).

Anche nell’industria manifatturiera e nelle public utilities è prevista una crescita dell’occupazione, con 440 nuovi contratti di lavoro (140 in più rispetto al dicembre 2022), con il mantenimento dei livelli dell’anno precedente nel comparto delle costruzioni (110 unità).

In difficoltà

Le imprese che prevedono assunzioni sono pari al 13% del totale e continua ad aumentare la quota di candidati introvabili nei processi di selezione di personale da parte delle imprese della nostra provincia; aziende che dichiarano di avere difficoltà a reperire i profili ricercati nel 52% dei casi, equivalenti a 821 profili per il solo mese di dicembre.

Le cause all’origine di queste difficoltà sono riconducibili in parte alla mancanza di candidati per i posti di lavoro (nel 35% dei casi) e, in parte, all’insufficiente preparazione dei candidati (nel 12,2% dei casi), così come alla richiesta di profili che abbiano già maturato esperienze specifiche nei diversi ambiti di attività.

Dai dirigenti agli operai

Tra i profili più difficili da reperire per i nuovi contratti di lavoro emergono, nell’ambito dirigenziale e con elevata specializzazione, i tecnici dei rapporti con i mercati (nel 74,1% dei casi), i tecnici della salute (nel 67,7%) ed i tecnici in campo ingegneristico (nel 29,7% dei casi).

Nell’ambito degli impiegati e delle professioni commerciali e nei servizi, di difficile reperimento sono i professionisti qualificati nei servizi sanitari e sociali (nel 75,9% dei casi), gli esercenti ed addetti nelle attività di ristorazione (nel 72,3%), gli addetti alla segreteria e agli affari generali (nel 48%).

Nel segmento degli operai, le difficoltà si scontano soprattutto nella ricerca di lavoratori specializzati nell’edilizia e nella manutenzione di edifici (94,1%), di meccanici artigianali, montatori, riparatori, manutentori macchine fisse/mobili (nel 79,2% dei casi), di fabbri ferrai costruttori di utensili (nel 78% dei casi), conclude l’analisi della Camera dell’Emilia sul lavoro a Piacenza e provincia.

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.