Attualità

Piazza Cittadella: per il nuovo parcheggio di Piacenza i cittadini pagano in anticipo, ma…

piazza-cittadella-per-nuovo-parcheggio-di-piacenza-cittadini-pagano-in-anticipo-ma

Piazza Cittadella: per ora sul parcheggio sotterraneo di Piacenza l’unica cosa certa è che dal 1° gennaio aumenteranno le tariffe delle strisce blu (da 1,05 euro a 1,50). Il tutto a favore del concessionario Piacenza Parcheggi, società della Gps del principe Filippo Lodetti Alliata, che dovrà realizzare l’opera di fronte a palazzo Farnese, sostenuta anche dalle nuove entrate per la sosta delle auto in città.

Una data, quella del 1° gennaio 2024, probabilmente qualche mese fa ritenuta congrua dal Comune rispetto a quella della consegna degli atti mancanti al progetto, all’epoca ancora da stabilire. Non stiamo parlando del versamento di 1,3 milioni di arretrati nelle casse di palazzo Mercanti da parte di Gps per i canoni 2020, 2021 e 2022, che il concessionario dovrà saldare entro il prossimo 31 dicembre. Ma dei tempi stabiliti per la notifica dei documenti richiesti nell’addendum al contratto; addendum firmato il 22 dicembre da Lodetti Alliata e dal dirigente del settore infrastrutture Giovanni Carini, davanti al segretario generale del Comune Luca Canessa. Tempi che vanno al 20 gennaio 2024 come data ultima per completare la pratica; fermo restando che non intervengano ritardi non imputabili direttamente a Gps o dovuti a cause di forza maggiore non prevedibili.

Cosa manca

L’addendum infatti è il passaggio cruciale, l’ultimo miglio della tormentata vicenda del parcheggio di piazza Cittadella fortemente voluto dal sindaco Katia Tarasconi. La sottoscrizione dell’addendum “aggiorna e integra il contratto stipulato undici anni fa alle nuove condizioni economiche che vedono gonfiarsi da 10 a 14,7 milioni il costo dell’opera”, scrive il quotidiano Libertà. Insomma, l’obiettivo del parcheggio interrato da 250 posti è a un passo, ma non è ancora stato raggiunto. Si potrà dire che il traguardo è stato tagliato quando, appunto entro il 20 gennaio, Gps fornirà la documentazione finanziaria che prova l’effettiva concessione del mutuo per l’opera da parte delle banche. “In caso contrario l’addendum viene meno” e quindi il contratto con il Comune di Piacenza sarebbe rimesso in discussione a colpi di carta bollata. Perché, oltretutto, “alla certificazione di ottenimento del finanziamento bancario è vincolata anche la consegna delle aree di cantiere”, scrive ancora Libertà.

Qualche domanda

In questo quadro sorgono alcuni legittimi dubbi, al di là delle cifre in gioco: perché le tariffe delle strisce blu a carico dei cittadini aumentano a favore di Gps così in anticipo, ben 20 giorni prima della data finale prevista nell’addendum? Non sarebbe stato meglio legare il cospicuo incremento della tariffa oraria alla conclusione della pratica e dell’effettiva partenza dei lavori in piazza Cittadella? Se poi qualcosa andasse storto, e saltasse la realizzazione dell’opera per la mancanza delle garanzie finanziarie, le tariffe dopo il 20 gennaio torneranno quelle precedenti? E Gps come restituirà al Comune – e soprattutto ai cittadini – la differenza incassata in quei giorni di sosta?

 | Website

Giovanni Volpi, giornalista professionista, è il direttore del Mio Giornale.net. Ha iniziato al Sole-24 Ore nel 1993. Dieci anni dopo è passato in Mondadori, a Tv Sorrisi e Canzoni, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicedirettore. Ha diretto Guida Tv, TelePiù e 2Tv; sempre in Mondadori è stato vicedirettore di Grazia. Ha collaborato con il Gruppo Espresso come consulente editoriale e giornalistico dei quotidiani locali Finegil.

1 commento

  1. C’è da vergognarsi a spendere 14 milioni x sotterrare 250 auto con tutti gli spazi vuoti e malandati che ci sono intorno al centro storico…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.