Attualità

L’immunologa Antonella Viola: che cosa fare per la seconda ondata

limmunologa-antonella-viola-cosa-fare-per-seconda-ondata

Antonella Viola non le manda a dire a Governo e dintorni. L’immunologa, ordinario di Patologia generale all’Università di Padova, dice no «a un nuovo lockdown nazionale». E sì «a chiusure programmate in base ai dati epidemiologici».

Per la docente originaria di Taranto, servono provvedimenti pensati in «maniera scientifica» per affrontare questa durissima seconda ondata di Covid. «Dobbiamo resistere almeno sino a giugno», ha detto tra l’altro in una lunga intervista rilasciata a La Stampa e firmata da Valeria D’Autilia.

Ospedali e indice Rt

Primo punto: le misure dell’ultimo Dpcm. Per Viola «Vanno riviste. Intanto bisogna distinguere in base alla situazione degli ospedali e all’indice Rt. Dove è maggiore di 1,5 come in Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta, bisogna procedere necessariamente con dei lockdown. Non c’è alternativa, ormai è troppo tardi. Nelle altre zone va fatta un’analisi sulla diffusione del virus».

Chiusure razionali

Secondo l’immunologa, «occorre un approccio razionale, chiudendo quei luoghi che, in base al tracciamento dei mesi scorsi, si sono rivelati occasioni di contagio. Se il bar è ritenuto tale, lo chiudo. E non sino alle 18. Se il cinema non lo è, allora lo lascio aperto».

Vaccino e false aspettative

Poi, prosegue Viola, «serve una comunicazione chiara; si può decidere che ogni mese ci sarà un lockdown di una settimana, così come ha fatto l’Irlanda. E smettiamola di dire che a dicembre arriverà il vaccino e sarà tutto superato. Crea una falsa aspettativa». Per lei «non è verosimile: entro quella data, se tutto va bene, è probabile che un vaccino venga registrato. In quel caso ci saranno delle dosi già pronte, ma parliamo di poche migliaia a fronte di 60 milioni di italiani. Forse verrà vaccinato il personale sanitario, mentre per la gran parte della popolazione arriveremo all’estate».

La tenuta del sistema sanitario 

Il problema oggi è la tenuta del nostro sistema sanitario. Ce la farà? «Se continua una tale crescita e non si fa nulla, assolutamente no. Nessun Paese potrebbe reggere. I posti letto in terapia intensiva sono aumentati, ma non come promesso. I medici specializzati sono pochi. Adesso la situazione più critica la registriamo nei pronto soccorso e negli ospedali Covid. Nel giro di un mese le strutture saranno in seria difficoltà».

Le famose 3T

È da marzo, sottolinea Viola «che chiediamo le famose 3T: tracciamento, test rapidi e terapia. Facciamo più tamponi, ma sono ancora pochi, il tracciamento è saltato anche per carenza di personale e i test non vengono utilizzati. In più non hanno fornito un’app o un sistema adeguato di contact tracing». E sugli anticorpi monoclonali, spiega che «a oggi non ci sono dati completi sulla loro efficacia. Peraltro è una terapia e, come tale, non risolve il problema dell’ospedale pieno o dei tamponi insufficienti».

Scuola e analisi dei contagi

Poi Viola si sofferma sull’analisi dei contagi inviata con altri specialisti al ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina. «Abbiamo dato indicazioni che non sono state recepite: tutti con le mascherine, insegnanti con le Ffp2 e test rapidi. Avevamo chiesto i termoscanner e non sono stati ritenuti necessari. Va detto con chiarezza: la scuola non è causa dell’aumento di positivi e chiuderla dimostra un fallimento. Il costo sociale di questa serrata è molto più alto rispetto al rischio del virus».

Il problema Università

Al contrario, per l’immunologa, «andava evitata l’Università in presenza perché muove giovani da tutta Italia che si concentrano in alcune città. Vivono insieme, fanno feste, aperitivi, prendono il treno e tornano a casa mettendo in moto un’ampia circolazione».

Trasporti sotto accusa

In estate, attacca la docente, «bisognava potenziare i trasporti, non averlo fatto è una gravissima colpa. Si sono adottate regole troppo morbide: le vacanze, le riaperture delle discoteche. Ora ne paghiamo le conseguenze. Le misure blande funzionano quando il virus circola poco. Ora chiudere alle 18 non serve a nulla».

L’esempio di Taranto

Infine, Antonella Viola riflette su salute ed economia prendendo spunto dalla sua Taranto, dove con la presenza dell’acciaieria ex Ilva questo rapporto difficile e complicato è sempre all’ordine del giorno: «Se non c’è salute non c’è economia che funziona e viceversa. Se l’economia crolla non si pagano gli stipendi a medici e infermieri e non ci sono soldi per portare avanti la sanità pubblica. Quando è scoppiata la pandemia scrissi un post su Facebook dicendo che forse ora tutti possono capire quello che la mia città vive da tanto tempo».

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.