Attualità

Emilia-Romagna: dalla Regione 8,5 miliardi per fonti rinnovabili ed efficienza energetica

emilia-romagna-regione-85-miliardi-per-fonti-rinnovabili-ed-efficienza-energetica

Emilia-Romagna: la sfida è aumentare l’efficienza energetica e coprire sempre di più i consumi con fonti rinnovabili. Per vincerla, la Regione prevede un’accelerazione già nel triennio 2022-2024 per arrivare a un terzo in più rispetto alla copertura attuale. Con investimenti pari a 8,5 miliardi di euro nei prossimi tre anni.

Sono risorse in grado di incidere sulla transizione ecologica, mobilitando le amministrazioni pubbliche e il mondo delle imprese, della ricerca e della formazione, spiega una nota della Regione. Con un impatto positivo sui comportamenti individuali e collettivi dei cittadini verso consumi più consapevoli e sostenibili.

Il Piano 2022-2024

La proposta è contenuta nel Piano triennale di attuazione 2022-2024 del Piano energetico regionale 2030. Ed è stata presentata ieri dalla Regione al Patto per il Lavoro e per il Clima, insieme alla proposta di legge regionale della Giunta finalizzato alla promozione e al sostegno delle comunità energetiche rinnovabili e dell’autoconsumo collettivo. Presenti, oltre ai rappresentanti delle parti sociali e delle componenti la società regionale, la vicepresidente della Regione, Elly Schlein, l’assessore regionale allo sviluppo economico e green economy, Vincenzo Colla, e il sottosegretario alla presidenza della Giunta, Davide Baruffi.

Al passo con l’Europa

Il Piano aggiorna il Piano Energetico Regionale approvato nel 2017, partendo dalla forte accelerazione a livello europeo, nazionale e regionale che ha interessato il processo di transizione energetica ed ecologica. Recepisce quindi tutti i più recenti provvedimenti assunti dall’Unione europea e dal Governo che hanno progressivamente reso via via più ambiziosi gli obiettivi in materia di clima ed energia; e intende metterli in pratica attraverso un impiego integrato e complementare di tutti i fondi disponibili a livello regionale, nazionale ed europeo.

Colla: affrontare la crisi energetica

“All’accelerazione legata al Pnrr si associano gli effetti di accelerazione indotti dalla crisi energetica che sta colpendo l’Europa e il nostro Paese ormai da mesi; con costi crescenti delle materie prime e dei processi ad elevato consumo energetico, e con significative ripercussioni su importanti filiere del sistema produttivo regionale”, ha spiegato l’assessore Colla. “Per questo motivo il Piano triennale di attuazione si colloca all’interno di uno scenario energetico in rapido cambiamento e di traiettorie tecnologiche che dovranno rispondere con celerità a sfide sempre più grandi, sia di carattere ambientale che economico”.

Obiettivo 22%

Sulla base delle analisi condotte, prosegue la nota della Regione, risulta che il livello di copertura dei consumi finali attraverso l’impiego delle fonti rinnovabili potrà raggiungere al 2024 un valore di circa il 22%; un dato che rappresenta nel triennio di riferimento un tasso di crescita di tali fonti prossimo al 3% annuo, portando ad un incremento del peso delle rinnovabili di oltre un terzo del valore attuale già nel triennio 2022-24.

Comunità energetiche e autoconsumo

Un contributo a questi obiettivi potrà senza dubbio arrivare dalla costituzione di un crescente numero di comunità energetiche anche sul territorio; nonché dell’attivazione di gruppi di autoconsumo consapevole di rinnovabili. Ed è proprio per animare e sostenere questa leva diffusa sul territorio per cittadini, imprese e mondo del Terzo settore che la Regione ha scelto di dotarsi di una propria legge e di una specifica politica per le comunità energetiche. Utenti pubblici e privati che si uniscono per la produzione, la condivisione e lo scambio di energia a impatto zero prodotta attraverso impianti di energia rinnovabile.

Il punto di Schlein 

Il testo, ora all’esame dell’Assemblea legislativa, è stato illustrato al tavolo del Patto per il Lavoro e per il Clima dalla vicepresidente Schlein, che ha fatto il punto anche rispetto al percorso per la neutralità carbonica che l’Emilia-Romagna ha scelto di intraprendere.

“La transizione energetica non è più rinviabile”, ha affermato Schlein. “Il cambiamento climatico è sotto gli occhi di tutti e colpisce soprattutto i più deboli. L’indipendenza energetica è, ora più che mai, una questione democratica e di credibilità geopolitica. E per proseguire nella direzione tracciata dalla normativa europea e nazionale, coerentemente con gli impegni assunti con il Patto per il Lavoro e per il Clima che oggi stiamo rilanciando insieme a tutte le parti che l’hanno sottoscritto, vogliamo dotare l’Emilia-Romagna di uno strumento importante, innovativo, che ponga cittadini, imprese, enti locali al centro della transizione energetica: le comunità energetiche”.

La proposta di legge della Giunta regionale, ha aggiunto Schlein, “è già in discussione in Assemblea legislativa e stiamo collaborando attivamente coi relatori di maggioranza e minoranza, Piccinini e Occhi. L’interesse suscitato da questa proposta di legge è notevole, lo testimoniano le numerose osservazioni al testo che continuano a pervenire. È il segnale di quanta voglia ci sia nell’investire sull’auto produzione e l’autoconsumo di energie pulite e rinnovabili”.

Come Regione Emilia-Romagna, ha concluso la vicepresidente, “vogliamo sostenere lo sviluppo capillare in tutto il territorio di queste comunità che realizzano un risparmio energetico e in bolletta e al contempo riducono le emissioni climalteranti e la dipendenza energetica, con una forte valenza sociale e comunitaria”.

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.