Economia

Guardia di Finanza: dall’evasione alle frodi, tutti i numeri delle Fiamme Gialle

guardia-di-finanza-evasione-frodi-numeri-fiamme-gialle

Guardia di Finanza: evasione, frodi e lavoro nero, ecco i numeri delle Fiamme Gialle. E sono numeri impressionanti, divulgati in occasione della 245ª festa del Corpo che si celebra oggi. Cifre “che danno il senso dell’intensificazione delle attività della GdF contro i più gravi fenomeni di illegalità economico-finanziaria”, spiega il comando generale del Corpo.

“Interventi mirati indirizzati nei confronti di target accuratamente selezionati grazie all’attività d’intelligence, al controllo economico del territorio e ad analisi di rischio ulteriormente potenziata e migliorata grazie all’integrazione tra le banche dati e all’introduzione della fatturazione elettronica obbligatoria”.

In complesso, dal 1° gennaio 2018 al 31 maggio 2019 i finanzieri hanno portato a termine 1.519.033 ispezioni e 97.247 indagini delegate dalla magistratura ordinaria e contabile. Ma vediamo nello specifico i principali settori coinvolti dalle operazioni della Guardia di Finanza.

Evasione, elusione e frodi fiscali

In poco meno di un anno e mezzo le Fiamme Gialle hanno individuato 15.976 reati fiscali. Si tratta soprattutto di emissione di fatture false, dichiarazioni fraudolente e occultamento di scritture contabili. Reati che hanno portato alla denuncia di 18.148 persone, a 525 arresti con 1,5 miliardi di misure patrimoniali eseguite.

I finanzieri hanno scovato 13.285 evasori totali (+3,5% sui 12.824 dello stesso periodo precedente). Si tratta cioè di figure completamente ignote al Fisco. Soggetti che non hanno mai pagato un euro all’Erario. E che hanno evaso un corrispettivo pari a 3,4 miliardi di Iva.

Sempre nello stesso arco di tempo, i controlli della Guardia di Finanza hanno portato alla scoperta di 42.048 lavoratori irregolari e in nero. Una cifra in crescita esponenziale (+36,4% sui 30.818 del periodo precedente) con la denuncia di 8.032 datori di lavoro.

Tutela della spesa pubblica

Passiamo agli illeciti in materia di spesa pubblica. Gli interventi svolti sono stati 34.625. Dagli appalti agli incentivi alle imprese, dalla spesa sanitaria alle erogazioni a carico del sistema previdenziale, dai fondi europei alla responsabilità per danno erariale. A questi si aggiungono 8.636 deleghe d’indagine concluse in collaborazione con la Magistratura ordinaria e 1.880 deleghe svolte con la Corte dei Conti.

“Le frodi scoperte dai Reparti in danno del bilancio nazionale e comunitario sono state pari a oltre 1,7 miliardi di euro”, prosegue la GdF. “Mentre si attestano intorno ai 157 milioni quelle nel comparto della spesa previdenziale, assistenziale e sanitaria, con un numero di persone denunciate complessivamente pari a 13.570”.

Nel campo dei danni erariali invece “sono state segnalate condotte illecite alla Magistratura contabile per circa 6 miliardi di euro, a carico di 8.047 soggetti; mentre sono stati eseguiti sequestri per oltre 107 milioni di euro”.
Le Fiamme Gialle hanno poi verificato l’irregolarità del 34,1% delle prestazioni sociali agevolate e l’88,9% delle esenzioni dal pagamento dei ticket sanitari.

Nel settore degli appalti, “il valore delle procedure contrattuali risultate irregolari è stato pari a circa 1,8 miliardi di euro”. Contestualmente, “l’ammontare complessivo delle gare sottoposte a controllo si è attestato a circa 5 miliardi di euro. Le persone denunciate per reati in materia di appalti, corruzione e altri reati contro la Pubblica amministrazione sono state 1.512, di cui 103 tratte in arresto”.

Lotta alla criminalità

Sul fronte del contrasto alla criminalità economico-finanziaria, le attività ispettive della Guardi di Finanza sono state 517.003. Nell’ambito della normativa antimafia, “quasi 15mila soggetti sono stati sottoposti ad accertamenti patrimoniali. Ammonta, invece, a oltre 5,9 miliardi il valore dei beni mobili, immobili, aziende, quote societarie e disponibilità finanziarie proposti all’Autorità Giudiziaria per il sequestro; mentre i provvedimenti di sequestro e confisca hanno raggiunto, rispettivamente, la quota di 2,4 miliardi e di circa 1,8 miliardi”.

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.