Home Piacenza

Cortemaggiore: lo scontro Lega-Forza Italia e la candidata sindaco che fa paura

cortemaggiore-lo-scontro-lega-forza-italia-e-la-candidata-sindaco-che-fa-paura

Sindaco di Cortemaggiore: le elezioni di ottobre si avvicinano, ed è bagarre sul dopo Girometta. Giunto al termine il secondo mandato del commissario provinciale di Forza Italia, la designazione del prossimo candidato sindaco è rivendicata dalla Lega. Il partito maggioritario della coalizione di centrodestra ha scelto Luigi Merli, a sua volta segretario provinciale del Carroccio e assessore all’Urbanistica di Cortemaggiore. Un nome che però non va giù agli alleati di Forza Italia. Gabriele Girometta e i suoi pare insistano infatti perché si punti ancora su un loro rappresentante, la vicesindaco uscente, Alice Marcotti. L’ipotesi però viene respinta al mittente dalla Lega, che preme perché Merli sia il prossimo candidato alla carica di primo cittadino senza se e senza ma.

La mediazione Rancan

Durante il ruvido braccio di ferro tra Lega e FI, l’altra colonna della coalizione di centrodestra, Fratelli d’Italia, avrebbe tentato una mediazione, proponendo la candidatura di Stefano Rancan. Stimato professionista, è il padre di Matteo Rancan, consigliere regionale e capogruppo della Lega a Bologna. Una soluzione indubbiamente di vaglia, che piacerebbe a molti per uscire dall’impasse. Senonché, il diretto interessato avrebbe già dichiarato la sua indisponibilità a correre per le prossime elezioni.

Merli senza Forza Italia

Così, più passa il tempo e più la situazione politica si fa rischiosa per il centrodestra di Cortemaggiore. Addirittura c’è chi ventila che se Merli venisse imposto, Forza Italia potrebbe decidere di non inserire candidati berlusconiani nella nuova lista della maggioranza uscente. Sostanzialmente lasciando libertà di voto ai propri elettori. E Merli, ritenuto comunque un valido candidato, in partenza potrebbe non avere i numeri sufficienti per arrivare alla guida del Comune.

Spunta Simona Rossi

Le cose per la maggioranza poi si potrebbero complicare ancor di più, e qui veniamo alle mosse del centrosinistra, se l’opposizione trovasse un nome capace di attirare consensi anche nel mondo moderato. Una soluzione, pare l’unica, per sfruttare al meglio il momento di debolezza degli avversari. Così, per raggiungere questo scopo, circola ormai con insistenza il nome di Simona Rossi, attuale responsabile comunicazione, scuola e formazione del Teatro Gioco Vita di Piacenza. Una figura proveniente da un’altra storica e stimata famiglia di Cortemaggiore, molto legata anche al mondo cattolico della cittadina della val d’Arda.

La giornalista, se mai accettasse la sfida, sarebbe comunque un osso duro per chiunque candidasse il centrodestra. E a detta di molti il nome di Simona Rossi potrebbe davvero riaprire quei giochi per l’elezione del sindaco di Cortemaggiore, che prima dello scontro tra Lega e Forza Italia sembravano già chiusi in partenza.

Website | + posts

Giovanni Volpi, giornalista professionista, è il direttore del Mio Giornale.net. Ha iniziato al Sole-24 Ore nel 1993. Dieci anni dopo è passato in Mondadori, a Tv Sorrisi e Canzoni, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicedirettore. Ha diretto Guida Tv, TelePiù e 2Tv; sempre in Mondadori è stato vicedirettore di Grazia. Ha collaborato con il Gruppo Espresso come consulente editoriale e giornalistico dei quotidiani locali Finegil.

Articolo precedenteRiqualificazione urbana: pioggia di milioni per ex Manifattura Tabacchi, Peep e Cascina San Savino
Articolo successivoColdiretti: l’obiettivo dei commissari, Terrepadane e gli interessi di Piacenza

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.