Attualità

Sondaggio da incubo per Renzi e Salvini. E Grasso piace agli italiani

sondaggio-incubo-renzi-salvini-grasso-piace-italiani
Matteo Renzi, Matteo Salvini e Pietro Grasso

Sondaggio allarmante per Renzi e Salvini. L’ultimo rilevamento dell’istituto Ixè per Rai Radio1 sulle intenzioni di voto degli italiani parla chiaro e segnala perdite pesanti per i due partiti. Intanto si consolida la leadership del Movimento 5 stelle, con Forza Italia in netta crescita. Mentre tra i leader si segnala l’exploit di Pietro Grasso.

Pd: crollo pesante

Nel giro di 40 giorni il Pd ha perso 4 punti percentuali. Nel sondaggio Ixè dello scorso 10 ottobre il partito di Renzi era al 27,4%, sostanzialmente stabile rispetto ad agosto (27,3). Ma al 15 novembre era già sceso al 23,8%, per perdere ancora uno 0,4% in una sola settimana, fermandosi al 23,4% nel rilevamento del 22 novembre. Sempre guardando a sinistra, sostanzialmente stabile Mdp (3,2%), mentre Sinistra italiana/Sel mette a segno un incremento che da ottobre lo ha spinto dal 2 al 3%, soglia per l’entrata in parlamento.

Scivolone per la Lega

Sul fronte del centrodestra, la Lega sembra vivere un momento simile a quello del Pd e perde 2 punti secchi. Il partito guidato da Salvini era andato in ferie con un solido 15%, confermato dal rilevamento del 10 di ottobre. Ma dal mese scorso (15,1) è sceso al 13,5% del 15 novembre e al 13,1% del sondaggio di ieri. Chi sale nel centrodestra? Soprattutto Forza Italia, che ha conquistato la leadership dell’area politica. A partire da agosto (13,3%) FI è cresciuta senza sosta. E oggi, probabilmente per il massiccio ritorno sui media di Berlusconi, è arrivata al 15,8% (+0,3% nell’ultima settimana). Anche Fratelli d’Italia è in crescita, ma con un andamento a corrente alternata. Ad agosto il partito della Meloni era al 4,5% per poi scendere al 3,7% in ottobre. Ma a novembre Fratelli d’Italia è ritornato a salire, guadagnando quota 5%.

Cinque stelle e coalizioni

Dall’ultimo sondaggio di Ixè emerge anche l’aumento dei 5 Stelle che da agosto hanno guadagnato un punto e sono al 28%, prima forza politica del Paese se si votasse oggi. Ma nel gioco delle coalizioni la compagine di Di Maio viene superata dal centrodestra (FI, FdI e Lega) che sfiora il 34%. Un risultato irraggiungibile dal centrosinistra, anche se al Pd riuscisse la coalizione “impossibile” con Mdp. Insieme a Si/Sel, Alleanza popolare (Alfano è 2%) e bersaniani Renzi oggi arriverebbe al 31,6%.

Effetto Grasso

E adesso veniamo al sondaggio sui leader preferiti dagli italiani. A novembre scende il gradimento per il premier Gentiloni (dal 39 di ottobre al 35%), così come quello di Di Maio (dal 32 al 29%) al secondo posto in classifica. Ma è la terza piazza a fare scalpore, con l’entrata fragorosa di Pietro Grasso. La fiducia nel presidente del Senato, uscito dal Pd, è al 28%. Un dato che supera quelli di Salvini (26) Renzi (25), Meloni (25), Pisapia (23) Grillo (22), Berlusconi (22) e Bersani (20). Grasso deciderà di scendere in campo come leader della sinistra? Vedremo. Di certo, secondo il sondaggio Ixè, partirebbe con una bella dote di credibilità.

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.