Home Cultura

Corte Biffi: gran finale con Elisabetta Villaggio e il libro “Fantozzi dietro le quinte”

corte-biffi-gran-finale-con-elisabetta-villaggio-e-il-libro-fantozzi-dietro-le-quinte

Corte Biffi ospita Elisabetta Villaggio per l’ultimo incontro del ciclo “A cena con l’autore”. L’appuntamento è venerdì 1° aprile, nella splendida location di San Rocco al Porto (Lo), a pochi minuti da Piacenza e a mezz’ora da Milano.

Dopo i libri di Gianfelice Facchetti e Luigi Garlando, a chiusura della rassegna promossa da Biffi Arte e curata da Mauro Molinaroli, Elisabetta Villaggio presenterà l’opera dedicata al padre “Fantozzi dietro le quinte” (Baldini+Castoldi).

Visto da vicino

Con questo libro l’autrice ha voluto raccontare nel privato Paolo Villaggio, raccogliendo inedite testimonianze di chi ha condiviso con lui i tanti set e momenti di vita personale. Si legge nella quarta di copertina del volume: “Per tutti papà era il personaggio famoso, l’attore, il comico, lo scrittore, ma soprattutto Fantozzi che anche i bambini sanno chi è. Per me è sempre stato e rimane mio padre”.

Figlia d’arte

Elisabetta, nata dalla lunga e felice unione di Villaggio con Maura Albites, dopo aver esordito nel cinema come regista (di lei ricordiamo in particolare un’intervista-documentario a Franca Valeri del 2005) e aver scritto diversi romanzi, fra cui “La mustang rossa” (2016), oggi collabora con riviste e quotidiani, e insegna alla Rome University of fine Arts nel dipartimento di cinema. 

Da De André alla Treccani

Questo bel libro va oltre il ricordo e il racconto. Tira fuori le emozioni, la gioventù, il nostro ieri, le stagioni di un cinema italiano molto più ricco e molto più vero, grandi personaggi quali Fabrizio De André, Federico Fellini, Roberto Benigni, e una comicità dirompente, paradossale che cambiò addirittura i nostri codici linguistici.

Fantozzi oggi è nell’enciclopedia Treccani. Ma l’impatto con la celebrità di Fantozzi per Paolo Villaggio non fu tra i più semplici. “All’improvviso – ricorda Elisabetta – ci ritrovammo i paparazzi dappertutto. Io una volta scappai di casa per sottrarmi ai fotografi. Pensava di essere considerato un artista di serie B. In realtà papà era e si sentiva un intellettuale e non sopportava di essere snobbato. Una volta nella sala d’attesa di un aeroporto un famoso direttore di un quotidiano lo ignorò. Ci rimase malissimo”. Come molti grandi comici rideva poco: “Per niente. Infatti a volte gli dicevo: papà io non ti ho mai visto i denti! E lui: non importa”.

Leone d’oro

Poi arriva il Leone d’oro alla carriera a Venezia nel 1992. “Fu la sua rivincita – prosegue Elisabetta – e infatti nel discorso che fece in quell’occasione disse che era contento di essere rivalutato da vivo”. Anna Mazzamauro, che interpretava la signorina Silvani, nel libro ne loda il professionismo. Tra i comici gli piacevano Checco Zalone e Cochi e Renato: “Quando ero bambina – spiega Elisabetta – venivano spesso a pranzo e papà ci faceva fare sempre la stessa gag. Bambini, chi è più simpatico, Cochi o Renato? E noi: Cochi!”.

Forza e felicità

Elisabetta racconta che suo padre le ha insegnato a essere forte: ”In parte perché ci siamo sempre scontrati. E poi perché non l’ho mai visto lamentarsi, sentirgli dire ‘sono stanco’. Quando è morta mia nonna, è andato in scena a teatro senza dire niente. Ha vissuto molti drammi ma li ha sempre affrontati con pudore e con grande forza d’animo”. Inseguiva la felicità? “Forse l’ha raggiunta. Ha avuto un’esistenza bella, piena. Con persone interessanti e un lavoro appassionante. Mai noioso. L’opposto di Fantozzi, anche se a Fantozzi mio padre voleva bene perché senza di lui forse non ci sarebbe riuscito”.

A cena con l’autore

L’incontro a Corte Biffi (San Rocco al Porto, via Giovanni XXIII n.44) avrà luogo seguendo le recenti normative anti-Covid (green pass base e mascherina), inizierà alle 19,30 e proseguirà fino alle 20,30. Seguirà (per chi desidera) la cena con Elisabetta Villaggio, per la quale è possibile prenotare al seguente numero: 0377.454029.

+ posts

Il Mio Giornale.net ha solo un obiettivo: fare informazione d’attualità in modo libero, indipendente e con spirito di servizio. Per aiutare i lettori a capire e scegliere, tenendo i fatti separati dalle opinioni.

Articolo precedenteL’Ucraina e lo “spazio vitale” russo: cosa ci insegna la Storia (che a volte dimentichiamo)
Articolo successivoSanta Maria di Campagna: onorificenze e riconoscimenti nazionali per le Celebrazioni dei 500 anni della Basilica

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.