Home Economia

Crisi Mandelli: Alberici (Allied) salva l’azienda piacentina e punta in alto

crisi-mandelli-alberici-allied-salva-lazienda-e-punta-in-alto
La sede di Mandelli; nel riquadro, Valer Alberici

Crisi Mandelli: Valter Alberici salva l’azienda di Piacenza, marchio storico della meccatronica italiana. Con l’acquisto, il presidente di Allied International compie così una doppia operazione. La Mandelli, che era in concordato preventivo, resta piacentina; e sotto la sua guida, adesso punta a un rilancio in piena regola. 

Una sfida ammirevole, quella accettata da Alberici, ma non certo facile. E non tanto per l’investimento iniziale che pare sia stato di pochi milioni di euro, in sostanza il valore del brand dell’ex gioiello della meccatronica che faceva capo al Gruppo Riello. Per esempio nel periodo della pandemia il mercato per Mandelli è diventato ancor più ostico, anche causa della crisi che ha colpito importanti clienti dell’aerospace come Airbus e Boeing. 

L’azienda di macchine utensili piacentina poi opera in un settore ben diverso da quello del Gruppo presieduto da Alberici, che affronterà così un nuovo business. Allied infatti è leader nella raccorderia su scala mondiale, con i suoi prodotti per l’estrazione, la distribuzione, la trasformazione delle risorse energetiche. E con impianti che da Nibbiano, in val Tidone, si espandono dagli Stati Uniti alla Cina. Un’attività che dopo numerose acquisizioni oggi coinvolge oltre 1.130 dipendenti con ricavi che sfiorano i 230 milioni di euro.

Tempo e sinergie

Per replicare questo successo e riportare Mandelli ai vertici del mercato, l’imprenditore piacentino prima di tutto avrà bisogno di tempo. Almeno un paio d’anni per resettare produzione, investimenti e ricerca. Il tutto con l’impegno non solo di mantenere gli attuali livelli occupazionali (una cinquantina di dipendenti) ma di incrementarli con una “campagna acquisti” in ragione dell’expertise necessario per il rilancio dell’azienda, che naturalmente avrà effetti positivi anche sull’indotto locale.

D’altro lato, Alberici, che è vicepresidente di Confindustria Piacenza, potrà attuare sostanziali sinergie. Ad esempio, potrà utilizzare la rete commerciale di Allied in giro per il mondo per promuovere le macchine utensili di Mandelli anche in aree dove oggi non sono così conosciute e dove potrebbero avere importanti sviluppi di mercato.

Meglio di così…

Intanto, mentre si preparano le carte per depositare il piano concordatario entro metà mese, fioccano i pareri positivi sull’operazione compiuta da Alberici. In Confindustria, a partire dal presidente Francesco Rolleri, si sottolinea con orgoglio come l’acquisizione rappresenti nei fatti un segnale straordinario per favorire la rinascita del territorio. Piacenza che investe su Piacenza, sul suo know how e sulle sue risorse umane.
Insomma, grazie ad Alberici, un esempio di ripartenza migliore della rinascita di Mandelli, oggi è difficile da trovare.

Website | + posts

Giovanni Volpi, giornalista professionista, è il direttore del Mio Giornale.net. Ha iniziato al Sole-24 Ore nel 1993. Dieci anni dopo è passato in Mondadori, a Tv Sorrisi e Canzoni, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicedirettore. Ha diretto Guida Tv, TelePiù e 2Tv; sempre in Mondadori è stato vicedirettore di Grazia. Ha collaborato con il Gruppo Espresso come consulente editoriale e giornalistico dei quotidiani locali Finegil.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.