Home Attualità

Il presidente Mattarella e il suo Governo di alto profilo

il-presidente-mattarella-e-il-suo-governo-di-alto-profilo

Mattarella e il suo Governo di alto profilo. Oggi è avvenuto il giuramento dell’Esecutivo presieduto da Mario Draghi. È composto da 23 ministri (nove del Governo uscente); tra loro, otto tecnici e 15 politici provenienti dalle forze che lo sosterranno in Parlamento (M5S, Pd, Lega, Forza Italia e LeU) dove Draghi è atteso a metà settimana per chiedere la fiducia.

Lungi da noi dare giudizi sui singoli ministri del dicastero Draghi. Ma facciamo un passo indietro. Torniamo al 2 febbraio, quando il presidente della Repubblica ha parlato al Paese e ha fatto riferimento alla formazione di un “Governo di alto profilo”. E chi meglio di lui può dirlo? È così perché l’articolo 92 della Costituzione recita “Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri”.

Alcuni dubbi sull’alto profilo

Il richiedere un “Governo di alto profilo” costituisce una sottile offesa al Governo del presidente Giuseppe Conte e forse a tutti (o quasi) i Governi precedenti.

Ricapitoliamo alcuni risultati del Governo Conte. Il Recovery Plan è il documento iniziale di un iter che proseguirà nei prossimi mesi: è stato apprezzato in sede europea; la gestione delle vaccinazioni ha avuto il plauso della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen; il reddito di cittadinanza si è dimostrato utile in questo frangente, come la scelta di pubblicizzare per esempio l’ex Ilva e di trasformarla, e così via…

Cosa significa alto profilo?

Non penso significhi che in un Governo ci debbano necessariamente essere Persone che hanno ottenuto risultati nei loro campi di interesse e quindi riconoscimenti (premio Nobel, Medaglia Fields, …), oppure appartenenti a Società scientifiche (Accademie, ..) o alla Massoneria o a Comunione e Liberazione.

Significa essere in grado di indirizzare la struttura che si dirige verso la soluzione di problemi ancora irrisolti. Problemi che hanno riferimento nel bene comune del Paese, che non è un concetto statico, cioè di breve periodo, ma dinamico, ovvero di lungo periodo. Significa essere capaci di anticipare, nei limiti del possibile, i problemi che si presenteranno. Avere una visione del bene comune, una capacità di coniugare visione con realtà ed indirizzare il Ministero a quell’obiettivo.

Visione, competenze e organizzazione

Proviamo ad entrare nel concreto:

  • Alto profilo è allora l’amministratore di una banca che assume non solo ragionieri o laureati in economia, ma laureati Stem (ovvero, discipline scientifiche: scienze, tecnologia, ingegneria e matematiche). Perché? Cambia il modo di pensare e di agire e si producono esternalità positive su tutta l’organizzazione.
  • Alto profilo è il preoccuparsi dell’investimento dei risparmi dei clienti indirizzandoli verso ETF o fondi che non richiedano elevate commissioni in cambio di bassi rendimenti.
  • Alto profilo è il professore che introduce la valutazione nella sua scuola o nella sua Università, che fa accordi per diplomi congiunti con altre Università anche all’estero, che fa in modo che vengano chiamati bravi docenti e non perpetui il sistema delle famiglie attraverso chiamate di figli, nipoti, altri parenti, e amanti di vario genere.
  • Alto profilo è l’imprenditore che investe in innovazione e in formazione dei suoi dipendenti, che organizza la sua impresa valorizzando dirigenti e quadri intermedi e li fa crescere attraverso un’organizzazione adeguata.
  • Altro profilo è l’amministratore pubblico che in questo periodo asfalta una strada in meno ed investe in servizi sociali in senso lato, ivi compresa istruzione delle famiglie più svantaggiate attraverso doposcuola, corsi di lingua inglese, matematica e computer.
Non serve un Nobel…

Tutte le professioni possono avere un alto profilo, alla base del quale è la conoscenza, competenza, la passione e l’organizzazione.
Non è necessario avere caratteristiche da premio Nobel, Accademie varie, Massoneria, o Comunione e Liberazione. È soprattutto richiesto un grande amore per il proprio lavoro e il proprio Paese. E questo non è monopolio solo di alcuni o di particolari gruppi d’interesse.

+ posts

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.