Home Cultura

Gran Premio di Monza: l’arte in pole position con La Bandiera del Mondo

gran-premio-di-monza-larte-in-pole-position-con-la-bandiera-del-mondo

Il Gran Premio di Monza di Formula 1 mette l’arte contemporanea in pole position. Venerdì 6 settembre, nella sua giornata di apertura, viene proposto infatti il progetto artistico-culturale La Bandiera del Mondo 1+1=3 di Michelangelo Pistoletto e Angelo Savarese.

Armonia e sostenibilità

Si tratta di un’opera d’arte unica, dove il ruolo dell’artista è al servizio della comunità. L’installazione punta a sensibilizzare i cittadini sulla responsabilità e l’impegno di ciascuno nella costruzione di una società armoniosa e sostenibile; una società che esalti le differenze, in equilibrio con la natura, seguendo gli intenti e gli obiettivi promossi dall’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Tutti a Monza

L’appuntamento con La Bandiera del Mondo 1+1=3 è in Piazza Duomo. Alle 18 ci sarà la live performance con gesto semplice, ma pieno di significati, alla presenza dei due artisti supportati dagli allievi dell’Accademia di Brera e dal pubblico. Perché con l’apposizione di una bandiera sugli appositi supporti che disegnano la struttura del noto Terzo Paradiso (ideato da Pistoletto e simbolo di unificazione tra le tante culture del mondo, tutte sotto un’unica grande bandiera) lo spettatore diventa partecipante attivo. E si assume la responsabilità di ridisegnare il mondo, di azzerare le distanze, di esaltare le differenze.

Arte in Formula 1

Ma da dove nasce l’idea di questa “sinergia” tra l’arte contemporanea e il Gran premio di Monza, giunto alla sua 90ª edizione? Nell’automobilismo, ogni auto e pilota rappresenta, nei suoi colori, un’identità di Stato e, nel suo fair play, il rispetto per gli altri. Questo atteggiamento, spiegano gli organizzatori, “vorremmo fosse da esempio per gli appassionati; e che confluisca in un cambio di mentalità realizzabile attraverso azioni concrete, nell’ottica di bandiere riunite insieme”. Così, in risposta a questi temi, Pistoletto e Savarese propongono il concetto di 1+1=3: “Io esisto perché tu puoi fare qualcosa per me e io per te. Tu e Io facciamo Noi”.

La Bandiera del Mondo 1+1=3 esprime quindi la volontà di entrambi gli artisti di creare un evento compartecipato per dare al pubblico l’opportunità di riconoscere la propria identità nazionale insieme a quella degli altri. Con significati culturali, sociali e simbolici legati all’attuale momento storico e geopolitico, contraddistinto da continui sconfinamenti e da una nuova distribuzione delle presenze etniche nel mondo.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.