Home Cultura

Ovidio: alle Scuderie del Quirinale capolavori d’ogni epoca per ricordare il grande poeta

CONDIVIDI
ovido-scuderie-del-quirinale-capolavori-ricordare-poeta

Ovidio per sempre: alle Scuderie del Quirinale è in corso una mostra ricca e affascinante. Dedicata al poeta latino in occasione del bimillenario della morte, lancia un ponte suggestivo tra passato e presente immortalando il valore dell’amore. Curata da Francesca Ghedini, l’esposizione dal titolo “Ovidio. Amori, miti e altre storie” è aperta fino al 20 gennaio. Ed è articolata lungo 10 sale dense di poesia e di opere d’arte.

Versi e capolavori

A frammenti di frasi posti sulle pareti e presi dalle Metamorfosi, si alternano 250 opere d’arte di ogni epoca ispirate alla sua poesia provenienti da circa 80 musei e non solo italiani, compresi il Louvre e la National Gallery. Così l’esposizione si dipana tra affreschi in arrivo da Pompei, sculture dell’età imperiale e figure femminili come la “Venere callipigia” del museo archeologico di Napoli, o la “Venere pudica” del Botticelli. Proseguendo poi con capolavori firmati tra gli altri da DomenichinoCellini, Tintoretto, Ribeira e Poussin. Senza dimenticare un’opera contemporanea, sempre ispirata ai testi di Ovidio, dell’artista americano Joseph Kosuth intitolata “Maxima proposito” che accoglie i visitatori.  

Ovidio: dalla fama all’esilio

La mostra riesce in pieno nel suo intento di celebrare Ovidio, un poeta perdente nella vita ma vittorioso nel tempo. Nato a Sulmona nel 43 avanti Cristo, giunge a Roma insieme al fratello per iniziare la carriera forense. Si sposa tre volte, viaggia molto, visita Atene, l’Asia Minore, la Sicilia e ben presto inizia a raccontare miti e leggende che popoleranno le sue Metamorfosi e altre opere come Ars amatoria, Amores, Heroides, Fasti, Tristia.

L’amore a Roma è gioco e piacere. Ma l’imperatore Augusto inizia una rigorosa opera di edificazione morale contro i costumi licenziosi dell’epoca. Ovidio fa parte dei circoli intellettuali e si lega di profonda amicizia con la figlia e la nipote di Augusto (Giulia Maggiore e Giulia Minore), entrambe ostili alla restaurazione morale voluta dall’imperatore.

Queste frequentazioni però gli sono fatali. Di Ovidio ad Augusto non piacciono il suo pensiero libero e la sua vicinanza ai circoli dissidenti. Così nell’8 dopo Cristo è costretto a lasciare la famiglia e gli amici per l’esilio. L’imperatore l’ha condannato a trasferirsi a Tomi (l’odierna Costanza, in Romania). E dopo dieci anni passati a supplicare parenti e amici perché intercedessero per il suo ritorno, muore solo e senza aver riveduto Roma.

Miti per sempre

Durante il percorso, tramite l’audioguida, il visitatore ascolta pagine di Ovidio interpretate da Sebastiano Lo Monaco. L’immersione nella sua poesia è totale. Così come nei suoi personaggi, perché Ovidio è stato l’interprete e il creatore di figure millenarie, dall’Ermafrodito a Narciso, a Fetonte. E grazie a lui, e ai monaci medioevali che ricopiarono i suoi versi, anche i più audaci, sono state tramandate nella memoria collettiva le tradizioni della Mitologia Classica. Così gli dei (straordinaria la sala dedicata a Giove), gli eroi, i giovinetti e le ninfe di Ovidio sono arrivati fino a noi. E tra versi poetici, sculture e dipinti, questa mostra capitolina li ripropone con successo nel loro eterno splendore. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.