Attualità

Corrado Sforza Fogliani candidato sindaco di Piacenza?

corrado-sforza-fogliani-candidato-sindaco-di-piacenza

Corrado Sforza Fogliani candidato sindaco di Piacenza? L’indiscrezione in queste ore sta facendo il giro dei palazzi che contano e non solo in città. Il leader storico dei Liberali piacentini negli ultimi giorni avrebbe ricevuto molte sollecitazioni. Da più parti gli chiedono di scendere direttamente in campo per le Comunali. E fonti a lui vicine dicono che Sforza, pur preso da mille impegni, starebbe valutando la situazione.

Indubbiamente il colpo di scena potrebbe avere effetti dirompenti sulla campagna elettorale, che dovrebbe portare al voto i piacentini tra la fine maggio e i primi di giugno. E quella di Sforza, per ora chiuso in uno stretto riserbo, sarebbe una sfida diretta soprattutto al centrodestra guidato da Patrizia Barbieri. Ma andiamo con ordine e vediamo che cosa sta succedendo.

Redde rationem

Lunedì prossimo è stata convocata una nuova assemblea dei Liberali piacentini. In quella sede, pare che Sforza sarà ancora assente. Il motivo? Sempre lo stesso: per evitare condizionamenti. Nei giorni scorsi infatti il leader dei Liberali si è chiamato fuori dalle trattative con il centrodestra, dopo le voci mai smentite in modo diretto di una indisponibilità del sindaco Patrizia Barbieri ad incontrarlo.

D’altro canto, la sera del 21 marzo sembra ormai assodato che si certificherà lo strappo dei Liberali con Lega, Fratelli d’Italia, Forza Italia e Liberi. Le risposte sui temi programmatici arrivate dall’onorevole Tommaso Foti, ambasciatore della maggioranza, non avrebbero soddisfatto i vertici dell’Associazione di via Cittadella da tutti i punti di vista. E quindi gli spazi per eventuali trattative dell’ultimo minuto paiono davvero ridotti al lumicino.

Orgoglio liberale e…

Su una lista centrista, di puro stampo liberale, che chiami a raccolta tutti i moderati piacentini, potrebbero convergere altre forze politiche che aspettano solo l’occasione propizia. Tra loro, Buona Destra, che fa capo al consigliere comunale ex Forza Italia Michele Giardino; Piacenza al Centro, guidata dall’ex assessore forzista Filiberto Putzu; e l’Officina delle Idee, formazione che vede in Enrico Carini, direttore provinciale di Poste italiane fino a poco tempo fa, il suo portavoce.

Chi sarà?

A questo punto mancherebbe solo il candidato sindaco da proporre agli elettori piacentini. E senza timore di smentita la figura più rappresentativa dell’inedito rassemblement centrista sarebbe naturalmente quella del leader storico dei Liberali.

Ma Sforza deciderà davvero di spendersi ancora una volta in prima persona dopo tante battaglie sostenute nella sua lunga carriera politica? O piuttosto preferirà giocare in un ruolo da regista della campagna elettorale, lanciando nella sfida a Patrizia Barbieri, Katia Tarasconi e Stefano Cugini una figura comunque di spicco del parterre moderato piacentino?

Forse è ancora presto per rispondere. Ma di certo la caccia a un candidato moderato capace di offrire un’alternativa concreta non solo agli elettori di centrodestra è cominciata. E vedremo come andrà a finire.

Website | + posts

Giovanni Volpi, giornalista professionista, è il direttore del Mio Giornale.net. Ha iniziato al Sole-24 Ore nel 1993. Dieci anni dopo è passato in Mondadori, a Tv Sorrisi e Canzoni, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicedirettore. Ha diretto Guida Tv, TelePiù e 2Tv; sempre in Mondadori è stato vicedirettore di Grazia. Ha collaborato con il Gruppo Espresso come consulente editoriale e giornalistico dei quotidiani locali Finegil.

1 commento

  1. Certo che sarebbe una soluzione molto bella e conveniente per Piacenza, semplicemente da sostenere Al VOLO ❗️❗️❗️Quest Uomo, con la sua preparazione , cultura , con la sua conoscenza della storia della città , della sua evoluzione nel tempo e soprattutto con bisogni della gente, sarebbe il Sindaco idealeSinceramente mi sembra di fare un sogno❗️Si proporrà davvero ❓

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.