Opinioni

Patelli e Galvani: pax natalizia, ma tra le due zarine della Provincia il terzo regna…

patelli-e-galvani-pax-natalizia-ma-tra-due-zarine-provincia-di-piacenza-terzo-regna
Monica Patelli e Paola Galvani

Patelli e Galvani: tra la presidente della Provincia di Piacenza del centrosinistra e la portavoce del centrodestra, che conta una schiacciante maggioranza in consiglio, sembra arrivata una pax natalizia. Fino a ieri più di una scintilla, in un clima che faceva pensare a un difficile percorso di convivenza tra le due zarine di corso Garibaldi. Con alcune indiscrezioni che parlavano addirittura di un centrodestra intento a discutere della possibilità di far saltare presidente e consiglio. Come? Bocciando il prossimo Bilancio della Provincia, forte di sette consiglieri su dieci. Uno scenario però da tutti a casa, con il commissariamento dell’Ente in attesa di nuove elezioni per i suoi organi politici, dalla presidenza al consiglio.

Invece, forse complice anche il clima festivo, ieri Paola Galvani, esponente di Forza Italia, sindaco di Rottofreno e sconfitta da Monica Patelli nel testa a testa del settembre scorso, ha fotografato un quadro politico che getta un po’ d’acqua sul fuoco. La portavoce del centrodestra ha plaudito la disponibilità al dialogo della presidente. “C’è e ci sarà un clima di collaborazione, alimentato da un forte senso di responsabilità”, ha affermato davanti alla platea dei sindaci piacentini, quasi tutti presenti all’assemblea che ha dato parere favorevole al Documento unico di programmazione e al Bilancio di previsione 2023-2025.

Poi però Galvani ha chiesto più impegno sul fronte dei risultati e in sostanza più polso nella guida degli uffici amministrativi provinciali. “Credo che serva un cambio di passo”, ha affermato convinta. “Ci aspettiamo una presidente con il coltello tra i denti al fianco dei sindaci del territorio, anche su un tema caldo come quello sanitario. Ma serve più velocità nelle scelte”.

Il ritardo del Ptav

Per spiegarsi, la portavoce della maggioranza consiliare di centrodestra ha rimarcato un obiettivo mancato dagli uffici di corso Garibaldi a cui Patelli, vista la sua debolezza politica, probabilmente si sta appoggiando molto in questa prima fase del suo mandato. Una sponda che agli occhi dei sindaci del territorio la rafforza e per questo non piace al centrodestra. “Ci aspettavamo che il Ptav (Piano territoriale di area vasta, ndr) come promesso arrivasse in Consiglio per l’approvazione entro la fine del 2022. Ma così non sarà. Servono scelte politiche, perché anche in Provincia decide la politica e non i tecnici. Dobbiamo lavorare per rendere i progetti del Pnrr più attrattivi possibile. Parma da un lato e la Lombardia dall’altro ci stanno togliendo spazio”, ha concluso Galvani.

Tutti insieme appassionatamente

“Quando ho parlato con i consiglieri ho trovato in loro grande apertura e disponibilità, e per questo li ringrazio”, ha risposto una serafica Patelli. “Il nostro percorso richiede dialogo e confronto”. Un confronto ampio, “perché se ci si parla tra pochi il rischio è che qualcuno si senta escluso, e anche per questo sto incontrando tutti i sindaci. Affronteremo partite importanti avviate dalla precedente amministrazione. Così, visto il ruolo già svolto negli anni precedenti da diversi consiglieri, gli stessi dovranno continuare ad essere coinvolti nelle attività dell’ente, anche se non hanno deleghe”. Ribadendo tra l’altro sui tempi di risposta come la Provincia di Piacenza sia efficiente, “anche paragonata ad un contesto di eccellenza come quello dell’Emilia-Romagna”.

La voce del…

Sul Ptav, non poteva che rispondere direttamente anche il direttore generale della Provincia Vittorio Silva, reduce poco prima da un duro scontro verbale con il sindaco di Castel San Giovanni Lucia Fontana (centrodestra) in merito all’annoso problema della strada provinciale 412. Un’arteria che oltretutto sarà interessata da un aumento di traffico pesante (18 tir al giorno), ritenuto però ininfluente da Silva. In un contesto quindi non idilliaco, il direttore generale ha ricordato che “sui tempi del Ptav la Provincia di Piacenza al momento è quella più avanti della Regione. E questo nonostante gli uffici stiano supportando anche i Comuni nelle loro pianificazioni e siano sommersi di pratiche”. Evidenziando poi come in corso Garibaldi ci sia “un problema di inadeguatezza delle risorse umane, dal punto di vista numerico”. Ma comunque, ha concluso Silva, “saremo la prima Provincia dell’Emilia-Romagna ad avere il Piano”, rinviando al mittente le critiche sul Ptav.

Che dire? L’impressione è che al brindisi natalizio il clima sia stato più sereno. Ma il centrodestra guidato da Galvani non molla, come dimostra il tentativo di creare tensioni nel rapporto tra la presidente Patelli e i vertici degli uffici provinciali. Di sicuro, in attesa del voto sul Bilancio 2022 e in una situazione di difficile equilibrio politico, dalle parti di Corso Garibaldi emerge a maggior ragione una figura di grande esperienza non solo amministrativa come quella di Vittorio Silva, che tra l’altro è stato un noto esponente del centrosinistra piacentino… della serie, tra le due zarine il terzo regna.

 | Website

Giovanni Volpi, giornalista professionista, è il direttore del Mio Giornale.net. Ha iniziato al Sole-24 Ore nel 1993. Dieci anni dopo è passato in Mondadori, a Tv Sorrisi e Canzoni, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicedirettore. Ha diretto Guida Tv, TelePiù e 2Tv; sempre in Mondadori è stato vicedirettore di Grazia. Ha collaborato con il Gruppo Espresso come consulente editoriale e giornalistico dei quotidiani locali Finegil.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.