Home Piacenza

Centrodestra: a Piacenza maggioranza e dissidenti alla resa dei conti

centrodestra-piacenza-maggioranza-e-dissidenti-resa-dei-conti

Il centrodestra di Piacenza alla resa dei conti? L’appuntamento è per il pomeriggio del 22 gennaio. L’incontro è stato convocato dal presidente del Consiglio comunale Davide Garilli, in pratica a nome del sindaco Patrizia Barberi. Invitati i capigruppo del Carroccio Carlo Segalini, di Fratelli d’Italia Gian Carlo Migli e di Forza Italia Francesco Rabboni. Convocati naturalmente i quattro consiglieri dissidenti: Antonio Levoni e Gian Paolo Ultori (Liberali), Michele Giardino e Mauro Saccardi (Gruppo misto).

Sarà un chiarimento che porterà a una fumata bianca, con il rientro nei ranghi della maggioranza dei quattro contestatori, oppure sancirà una rottura definitiva? Probabilmente sarà un primo tentativo di ricucitura di una situazione comunque sempre più critica. Il voto sul Pums (Piano urbano per la mobilità sostenibile) passato con soli 17 voti, ha rivelato infatti tutta la debolezza della maggioranza in Consiglio comunale.

Negli ultimi giorni poi si è sentito di tutto. Abbiamo assistito agli strali lanciati contro “la banda dei quattro” dai capigruppo della maggioranza che adesso invece dovranno trattare con loro. Senza dimenticare le voci relative all’apertura di un dialogo tra la maggioranza e Liberi. Con profferte di incarichi perché la lista civica dall’opposizione passi a sostenere la Giunta Barbieri con i suoi due consiglieri Massimo Trespidi e Mauro Monti.

Voci prontamente smentite da Trespidi, il leader di Liberi. E che comunque hanno fatto pensare a una sorta di lavoro ai fianchi dei quattro dissidenti di Palazzo Mercanti per convincerli a più miti consigli. Ma a questo punto i voti di Levoni, Ultori, Giardino e Saccardi pesano ancor di più per il prosieguo della consiliatura. Un percorso che dovrebbe portare alla primavera del prossimo anno, quando a Piacenza si tornerà a votare per le comunali. Con Patrizia Barbieri che pare intenzionata a ricandidarsi come sindaco della città. 

Il quadro è complesso, sostanzialmente per due ragioni. Prima di tutto per gli appuntamenti che a stretto giro l’Amministrazione di centrodestra dovrà affrontare nelle prossime settimane. Stiamo parlando dell’approvazione del Bilancio di previsione 2021. Di fatto l’ultimo e decisivo impegno di spesa di questa maggioranza. Poi c’è da gestire la partita del nuovo ospedale. Con la discussione in aula delle osservazioni e delle contro deduzioni della Giunta alla variante urbanistica. Un passaggio chiave che in quest’incertezza politica continua a restare al palo, perché necessita di un netto voto favorevole del Consiglio comunale alla tanto discussa Area 6 della Farnesiana come sede del nuovo nosocomio.

D’altro canto questa crisi in seno al centrodestra pare aver fatto emergere altri scontenti tra le due forze trainanti della maggioranza, Lega e Fratelli d’Italia. Si rincorrono le indiscrezioni su alcuni consiglieri insoddisfatti per l’operato della Giunta. E che chiederebbero maggiore visibilità in quest’anno pre elettorale anche in vista di una conferma in lista.

Così, con i risicati 18 voti della maggioranza e questi mal di pancia, il tentativo di ricucire con i quattro dissidenti moderati diventa ancor più urgente. Il rientro nei ranghi di Levoni, Ultori, Giardino e Saccardi getterebbe acqua sul fuoco delle aspettative degli altri malcontenti. E darebbe nuovo slancio all’Amministrazione guidata da Patrizia Barbieri.

 

Website | + posts

Giovanni Volpi, giornalista professionista, è il direttore del Mio Giornale.net. Ha iniziato al Sole-24 Ore nel 1993. Dieci anni dopo è passato in Mondadori, a Tv Sorrisi e Canzoni, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicedirettore. Ha diretto Guida Tv, TelePiù e 2Tv; sempre in Mondadori è stato vicedirettore di Grazia. Ha collaborato con il Gruppo Espresso come consulente editoriale e giornalistico dei quotidiani locali Finegil.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.