Attualità

Caro Vasco, dopo il video virale adesso ti aspettiamo a Pontenure per cantare con te!

vasco-dopo-video-virale-ti-aspettiamo-a-pontenure-per-cantare-con-te

Vasco Rossi e l’abbraccio virtuale ai ragazzi di Pontenure. Il video degli studenti della scuola media della cittadina in provincia di Piacenza che cantano Un senso, rilanciato affettuosamente sui social dal rocker di Zocca, è diventato virale. E con numeri da paura: tra Instagram, Facebook e sito ufficiale è già oltre le 300mila visualizzazioni e sta mettendo in fila migliaia di commenti e di condivisioni.

Ma come è nata questa storia che unisce Vasco e gli studenti piacentini, che adesso lo aspettano a Pontenure appena sarà possibile tornare alla normalità? Ce lo racconta il professor Luigi Del Matti. È il docente di musica dell’Istituto di Cadeo e Pontenure, che ha avuto l’idea del video diventato virale.

Scuola e tecnologia

“Prima di tutto però voglio fare una premessa, in tempi in cui la scuola è accusata da molti di non essere all’altezza delle nuove tecnologie”, dice l’insegnante. “Noi da almeno 15 anni lavoriamo in questo senso. Prenda per esempio il progetto Libr@, dove tutti i ragazzi delle medie hanno l’iPad personale; e una buona parte dei testi sono digitali, alcuni creati direttamente dagli insegnanti, affiancati naturalmente dai libri cartacei che non possono comunque mancare. Questa è solo una delle tante realtà e attività connesse alle nuove tecnologie che utilizziamo a scuola. Poi tenga presente che il nostro istituto è anche uno dei 9 Centri territoriali di supporto alla disabilità (Cts) dell’Emilia-Romagna. Quindi forniamo agli studenti che ne hanno bisogno tutti i supporti tecnologici necessari”.

Un senso al lockdown

E adesso veniamo a Vasco Rossi: che cos’è successo? “Lavorando sulla didattica a distanza, visto il lockdown e quello che stanno vivendo soprattutto i ragazzi, ho cercato una canzone che potesse rappresentare il loro stato d’animo. E Un senso di Vasco sembrava scritta apposta. Così ho chiesto a chi volesse partecipare dei miei studenti di 2ª e 3ª media di cantare una frase del testo o il ritornello del brano, naturalmente filmandosi con l’iPad e tenendo le cuffie alle orecchie per mantenere la tonalità della canzone”. Ricevuto tutto il materiale via mail, è iniziata la fase di montaggio, fino ad ottenere il video definitivo “dove ho inserito alcune immagini di spettacoli della nostra scuola per richiamare i momenti felici del passato, con l’augurio che possa essere di nuovo così anche in futuro”.

Abbraccio virale

Infine, prosegue il professore, “ho caricato il video sul canale YouTube della scuola, ma visibile solo tramite link. Da lì è stato ripreso e condiviso sui social da molti ragazzi e genitori, fintanto che probabilmente è arrivato all’entourage di Vasco, che ha deciso di di rilanciarlo prima su Instagram, poi su Facebook e infine sul suo sito ufficiale. Adesso il video è a oltre 300mila visualizzazioni e continuano a crescere”. Questo abbraccio virtuale mandato dal cantante “è stato una grande soddisfazione per tutti, ragazzi, genitori, insegnanti. E dimostra come anche con la didattica a distanza e in tempi di Coronavirus la scuola non perda la sua centralità”.

L’invito a Vasco

E adesso? “Aspettiamo che Vasco ci venga a trovare a Pontenure quando l’emergenza sarà finita”, conclude Del Matti. “Per i nostri ragazzi e anche per noi sarebbe bellissimo poterlo abbracciare davvero e cantare Un senso insieme a lui!”.

 

 | Website

Giovanni Volpi, giornalista professionista, è il direttore del Mio Giornale.net. Ha iniziato al Sole-24 Ore nel 1993. Dieci anni dopo è passato in Mondadori, a Tv Sorrisi e Canzoni, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicedirettore. Ha diretto Guida Tv, TelePiù e 2Tv; sempre in Mondadori è stato vicedirettore di Grazia. Ha collaborato con il Gruppo Espresso come consulente editoriale e giornalistico dei quotidiani locali Finegil.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.