Attualità

Food Valley Bike: da Parma a Busseto turismo in bicicletta e Piacenza sta a guardare

food-valley-bike-da-parma-a-busseto-turismo-in-bicicletta-e-piacenza-sta-a-guardare

Food Valley Bike: il nome in inglese non suona benissimo, ma serve per attirare i turisti dall’estero. Il contenuto invece è da sposare al 100%. Stiamo parlando di una pista ciclabile lunga una settantina di chilometri che collegherà Parma a Busseto. E attraverserà altri Comuni della Bassa parmense: Sorbolo Mezzani, Colorno, Sissa Trecasali, Roccabianca, Polesine Zibello; con la possibilità di raggiungere Brescello nel reggiano.

Come ha raccontato Nicola Cesari, sindaco di Sorbolo Mezzani, il progetto iniziato tre anni fa è arrivato finalmente al traguardo, dopo lo stop forzato a causa della pandemia.
La ciclabile infatti sarà inaugurata tra meno di due mesi, il 6 giugno, in occasione della tappa del Giro d’Italia Under 23 con la cronometro “Peppone Don Camillo”.

Sport e mangiar bene

Il percorso pianeggiante, che lambisce più volte il Po, ha le carte in regola per attirare cicloturisti di tutte le età, dall’Italia e dall’estero. Oltre al piacere di pedalare, magari con tutta la famiglia lungo i campi della Bassa parmense, tra coltivazioni di grano, girasole e pomodoro, l’itinerario della Food Valley Bike permetterà di valorizzare le eccellenze rappresentate dai prodotti tipici del territorio:

  • Parma: Prosciutto di Parma, Pasta;
  • Sorbolo: Pomodoro e Parmigiano Reggiano;
  • Mezzani: Anolino;
  • Colorno: Reggia di Colorno, sede dell’Alma, punto di riferimento internazionale per il mondo culinario;
  • Sissa Trecasali: Spalla Cruda di Palasone;
  • Roccabianca: Cicciolata e ciccioli;
  • Polesine Zibello: Culatello;
  • Busseto: Spongata delle terre verdiane.
Tutto in un’app

Naturalmente per i cicloturisti sarà disponibile una guida digitale, la Food Valley Bike App. Utilizzando Google Maps, la guida caricata sullo smartphone metterà in evidenza non solo i riferimenti enogastronomici, ma anche i luoghi di interesse culturale da visitare e i punti di ristoro e di alloggio per chi vorrà percorrere con calma la settantina di chilometri dell’itinerario, fermandosi qualche giorno nella Bassa parmense.

L’amaro in bocca

Non c’è che dire, vanno fatti i complimenti agli amministratori del territorio parmense per la loro capacità di fare squadra e di promuovere in modo innovativo il tessuto economico e culturale dei loro Comuni sul piano turistico. A noi invece resta solo l’amaro in bocca, pensando a tutte le potenzialità di Piacenza, che per l’ennesima volta resta al palo.

 | Website

Giovanni Volpi, giornalista professionista, è il direttore del Mio Giornale.net. Ha iniziato al Sole-24 Ore nel 1993. Dieci anni dopo è passato in Mondadori, a Tv Sorrisi e Canzoni, dove ha ricoperto anche il ruolo di vicedirettore. Ha diretto Guida Tv, TelePiù e 2Tv; sempre in Mondadori è stato vicedirettore di Grazia. Ha collaborato con il Gruppo Espresso come consulente editoriale e giornalistico dei quotidiani locali Finegil.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.